CATANIA – Formazione del personale della pubblica amministrazione, modifiche al codice degli appalti in tema di progettazione e direzione lavori, contrasto alla violenza di genere, sostegno alle attività di potenziamento del trasporto pubblico locale, digitalizzazione e sicurezza, sono questi alcuni degli argomenti affrontati nelle proposte di emendamento alla Legge di stabilità nazionale 2017 che la Ugl di Catania ha trasmesso in parlamento, per il tramite della vice presidente della X commissione permanente “Lavoro” Renata Polverini. Nello specifico, l’ufficio studi della sede territoriale catanese del sindacato ha elaborato venti proposte allo scopo di migliorare il testo di bilancio, che da qualche giorno è approdato alla Camera dei deputati. La principale proposta di modifica riguarda il nuovo codice degli appalti che, qualora dovesse continuare a rimanere così come è, creerebbe non pochi problemi agli enti perché non consente, ad esempio, l’impiego del personale interno per le mansioni di direzione lavori e di responsabile unico del procedimento. Figure che per la nuova normativa, invece, devono essere affidate all’esterno con il conseguente aggravio di costi che, molto spesso, le stesse amministrazioni non possono sostenere. Pertanto, una mancata correzione della legge potrebbe far perdere numerosi finanziamenti o bloccare un numero non indifferente di opere pubbliche finanziate. Particolare attenzione la Ugl etnea, con il settore studi guidato da Carmelo Mazzeo, ha dedicato anche alle occasioni di formazione per il personale degli enti pubblici proprio in relazione al Dl 50 del 2016 e per i dipendenti delle motorizzazioni civili di tutta Italia. Infine, spazio anche all’appostamento di fondi in favore del sostegno ai centri antiviolenza e per il potenziamento degli ospedali che prevedono il “codice rosa”, nonché l’incremento di somme riservate ai comuni per potenziare il livello di sicurezza attraverso gli impianti di videosorveglianza e la digitalizzazione con la realizzazione di nuovi impianti wi-fi, oltre ad una serie di misure per la manutenzione straordinaria ed ordinaria dei torrenti e dei valloni, ed un forte sostegno economico alla valorizzazione del trasporto pubblico locale su gomma. “Abbiamo avuto modo di valutare, grazie al grande lavoro di squadra messo in atto con la segreteria nazionale, la manovra del governo Renzi che è racchiusa in un testo deludente e lacunoso, dove mancano molto interventi che riteniamo importanti. Il premier ed il suo esecutivo non ne azzeccano proprio una! Ringraziamo l’onorevole Polverini che ci ha dato l’opportunità di apportare il nostro piccolo contributo ad uno dei più importanti provvedimenti che la legislazione nazionale prevede – dichiara il segretario generale territoriale della Ugl di Catania, Giovanni Musumeci”.

 


-- SCARICA IL PDF DI: Legge di stabilità nazionale, Musumeci (Ugl): "Testo lacunoso, interventi dimenticati. Il governo non ne azzecca una" --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata