Al Direttore del Sicilia Journal

Dott. Daniele Lo Porto

Egregio direttore,

mi ha stupito la ricostruzione della situazione finanziaria del Comune di Palagonia apparsa sul servizio dal titolo “Palagonia, il comune è al dissesto” firmato R.S. Tralascio i giudizi sulle attività di risanamento finanziario adottate dalla giunta, ma trovo estremamente “faziosa” la ricostruzione sugli adempimenti adottati dalla mia amministrazione sulla gestione del personale. Proverò a spiegarle il perché.

L’amministrazione comunale di Palagonia ha adottato delle delibere di annullamento in autotutela di atti amministrativi “illegittimi” o addirittura “irregolari”. Tutto è scaturito dall’ispezione del Mef avvenuta dal 10 al 30 luglio 2012. L’ispettore ministeriale ha evidenziato decine di irregolarità, tra le quali la stabilizzazione a tempo determinato di cinque unità lavorative nel 2007/2008. Quattrocento pagine di relazione che mettono a nudo una gestione della cosa pubblica non rispettosa delle normative contabili degli enti locali. Lo stesso Mef ci chiedeva di “sanare” queste irregolarità con interventi tempestivi, quindi risulta palesemente “falso” quanto da voi riportato. Addirittura in uno di questi casi, la stabilizzazione dell’addetto stampa, esiste già una condanna della corte dei conti di Palermo nei confronti della giunta guidata da Fausto Fagone (danno erariale di 50.000 euro)

Mi preme aggiungere che i cinque dipendenti “licenziati” hanno impugnato le nostre delibere di “annullamento” davanti ad un tribunale della repubblica italiana. In due giudizi separati i giudici hanno riconosciuto “giusti e legittimi” i nostri atti che hanno determinato la risoluzione del rapporto di lavoro. Non pensa che in una ricostruzione giornalistica questi siano elementi da riportare? Io penso di si.

Ovviamente sono dispiaciuto enormemente per il disagio sociale che può venirsi a verificare davanti alla perdita di un posto di lavoro, ma da rappresentate dello stato sono tenuto a far rispettare la legge. Le cito il principio affermato dal Consiglio di Stato, sentenza n.3628 del 20 giugno 2012 : “L’amministrazione pubblica ha l’obbligo di procedere in autotutela in presenza di inquadramento illegittimo, indipendentemente dal tempo trascorso dall’atto di inquadramento (..),l’atto oggetto di autotutela produce un danno per l’amministrazione consistente nell’esborso di denaro pubblico senza titolo”.

La nostra amministrazione sta provando a chiudere con un passato caratterizzato dall’infiltrazione mafiosa, dal disprezzo per le regole e le leggi. Questi provvedimenti vanno in questo senso, come ribadito per ben due volte da un tribunale dello stato italiano.

Mi chiedo ancora: dietro la sigla S.R. che firma l’articolo in questione si cela il dott. Salvatore Reitano? Un semplice dubbio, visto che lo stesso è stato oggetto di una risoluzione di rapporto di lavoro da parte del Comune di Palagonia. Comprendo la rabbia, ma il dovere di un giornalista è quello di costruire “verità”, non di farsi trasportare dall’emotività.

La ringrazio per la sua attenzione.

Valerio Marletta – Sindaco di Palagonia

[symple_divider style=”solid” margin_top=”20px” margin_bottom=”20px”]

Il Direttore risponde:

Sindaco,
riceviamo e pubblichiamo la sua nota in risposta al servizio “Palagonia è al dissesto”, che di fatto apre il dibattito su temi certamente scottanti, soprattutto quando si tratta della perdita del posto di lavoro per chi ha lavorato per tanti anni da precario nella Pubblica amministrazione e, finalmente, credeva di aver ottenuto un’assunzione a tempo indeterminato. Un danno doppio, il licenziamento, anzi triplo, perché ne sono vittime lavoratori non più giovanissimi, quindi più difficilmente collocabili sul mercato del lavoro, e, per di più, in una situazione di disoccupazione dilagante, anche per i giovani e qualificati.
Un sindaco comunista, quindi per cultura e formazione personale, prima ancora che politica, su questi temi dovrebbe essere maggiormente attento e sensibile. Ma, non ci sorprendiamo perché c’è chi, paladino della legalità di facciata, ha fatto di più e meglio, lapidando prima e buttando maldestramente in mezzo alla strada, poi, ben 21 giornalisti. Forse sarebbe meglio chiamarla “faida”, piuttosto che legalità. Altro discorso, però, e non divaghiamo, ma non crediamo che quello sia un esempio da seguire.
Sulla vicenda specifica dei quattro licenziati, e non cinque, come scrive lei, assunti a tempo indeterminato, e non a tempo determinato, come scrive lei, non era richiesta nella relazione del MEF nessun esplicito licenziamento e tanto meno nella sentenza della Corte dei Conti. Ma, forse, è stata ritenuta la soluzione più facile.
Nel merito. Non ci sembra di aver alterato la sostanziale verità dei fatti. Il Comune di Palagonia è al dissesto o no? Le considerazioni della Corte dei Conti sono reali o no? Oltre al diritto di cronaca ci avvaliamo anche dell’esercizio della critica, che può non fare piacere agli interessati, ma non per questo intendiamo rinunciarci. Non ci intimidiscono i proclami che partono da Roma da un comico-politico e da Palermo da un politico-comico. Nè, tanto meno, mi perdoni, da Palagonia, dove forse il significato della parola “fantomatico” non è ben compreso.
Le chiarisco, infine, una curiosità. La sigla “R.S.”, che ha trovato in coda all’articolo è l’abbreviazione di “redazione Siciliajournal”, riportata anche in altri testi, che di conseguenza impegnano direttamente la direzione di questo giornale. La invito a sfogliare giornali cartacei e scoprirà che è abitudine ricorrere a sigle come R.S. o R. C., rispettivamente Redazione Sport o Redazione Cronaca.
Cordialità
Daniele Lo Porto

[symple_divider style=”solid” margin_top=”20px” margin_bottom=”20px”]

Il Sindaco risponde:

Ripeto:”Mi preme aggiungere che i quattro dipendenti “licenziati” hanno impugnato le nostre delibere di “annullamento” davanti ad un tribunale della repubblica italiana. In due giudizi separati i giudici hanno riconosciuto “giusti e legittimi” i nostri atti che hanno determinato la risoluzione del rapporto di lavoro. Non pensa che in una ricostruzione giornalistica questi siano elementi da riportare? ………

[symple_divider style=”solid” margin_top=”20px” margin_bottom=”20px”]

Il Direttore risponde:

fatto

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi