di Franco Liotta

Levanzo (Tp) – Attorniati dall’immensità di un mare cristallino, un’isola, nel suo atavico silenzio, apre le braccia per ospitare la festante comunità tanghera, itinerante nei luoghi più belli che la terra sicula sa offrire.

Ecco perché in questa fine estate e, precisamente, il 6 settembre 2014, Levanzo, la più piccola perla dell’arcipelago delle Egadi, è stata scelta da Nicolò Noto, padrone di casa di appassionanti milonghe estive, per una notte di tango e sogno.

Ci dice lo stesso Nicolò «è la prima volta che questa piccola isola, ospiterà un evento così bello e coinvolgente, l’intimità della location e la particolarità dell’atmosfera farà si che sia uno di quei momenti da ricordare. La magia partirà già dal momento dell’incontro al porto di Trapani, dove ci ritroveremo oltre un centinaio di amici provenienti da ogni parte della Sicilia e, tutti insieme, raggiungeremo Levanzo con una barca privata, da cui potremo ammirare, in mezzo al mare, un meraviglioso tramonto. Ad accoglierci, dopo mezz’ora di traversata, una terrazza di circa 150 metri quadrati con una visuale da favola, assolutamente comoda per Pivot e Bolei, “protetti” dalla luce del faro di Capo Grosso, dove potremo trascorrere una notte piena d’energia e d’atmosfera, ballando fino all’alba».foto da inserire nel pezzo

Da come racconta, si percepisce subito che Nicolò si sente parte integrante di questo mondo e della sua gioia a condividerlo con i suoi amici tangheri, sapendo di poter contare anche su una buona colonna sonora, scelta per l’evento da uno dei più conosciuti e apprezzati musicalizadores nostrani, il palermitano Sergio Piscitello.

Rimaniamo, allora, in attesa che si smorzino le luci, che le onde del mare accompagnino in un rilassante sottofondo la musica appassionata e che gli abbracci del tango si fondano con una dolce melodia.

 

Franco liotta

Scrivi