I deputati 5 Stelle: “Siamo abituati a vederli in guerra tra loro per le poltrone che contano, ma qui siamo agli sgabelli e intanto i dipendenti e mille altre questioni vengono abbandonati al loro destino. A questo punto sarebbe stato più credibile rinviare al 30 febbraio. Vergognoso, non riescono a trovare la quadra solo su nulla”

PALERMO – “Saltano ancora le elezioni degli organismi dei Liberi Consorzi di comuni e delle città Metropolitane. La maggioranza sequestra il destino dei siciliani perché lotta per gli strapuntini”. A dichiararlo sono i deputati M5S Matteo Mangiacavallo, Salvatore Siragusa e Giancarlo Cancelleri in merito all’approvazione all’Ars della norma che rinvia al 26 febbraio 2017 le elezioni per gli organismi di Liberi consorzi di comuni e Città metropolitane, che erano già state indette per il prossimo 20 novembre. “Avrebbero mostrato più serietà e compostezza se avessero rinviato al 30 febbraio – aggiungono i deputati – tanto più se si considera che a determinare le sorti delle migliaia di lavoratori degli Enti in dismissione e dei servizi che erogano, sono deputati di partiti che rappresentano una assoluta minoranza dell’elettorato in Sicilia. Dai corridoi di Palazzo dei Normanni pare infatti che Sicilia Futura stia scatenando questa ennesima spaccatura nella maggioranza. Insomma ancora uno schiaffo alla rappresentatività del territorio e dei siciliani che sono costretti a subire gli umori e gli interessi di bottega di pochi deputati”.

“Il capogruppo di Sicilia Democratica ha delegittimato di fatto l’operato del suo stesso assessore Luisa Lantieri – sottolinea Giancarlo Cancelleri – con il risultato di fare impazzire ancora più quella maionese che in Sicilia sta creando il treno dei Renzi boys”.

 


-- SCARICA IL PDF DI: Liberi consorzi di comuni, ancora rinviate le elezioni. Il M5S: "Potevano fissarle per il 30 febbraio..." --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata