Venerdì 21 novembre alle 18:30, presso il Monastore -Bookshop del Monastero dei Benedettini, le Matte da Leggere, in collaborazione con Officine Culturali, presentano Miti Tua di Adriano Nicosia (A&B Editrice), terzo romanzo dello scrittore di San Cataldo.

Quello che ha colpito le Matte, di questo autore, è stato il rapporto con il padre descritto in una delle pagine del blog dal quale parla di cultura. Adriano Nicosia scrive di aver “rimproverato” spesso il suo genitore dicendogli «non potevi crescermi all’insegna della scorrettezza, della slealtà, dell’ipocrisia così avrei potuto trovarmi un po’ meglio in questo mondo?» e racconta anche di essersi sempre sentito rispondere così: «Nel tuo piccolo lavora per un mondo nuovo». Proprio una delle due blogger si è ritrovata a fare una riflessione inversa, con le parole del padre «Avrei dovuto educarti diversamente, per farti trovare meglio in questo mondo!» alle quali ha sempre risposto «Nel mio piccolo combatterò per un mondo migliore!». E questa storia ha messo il cuore delle Matte nello zucchero, immaginando già il sapore che avrà l’incontro con Adriano Nicosia. Anche perché, ha confessato l’autore, «Il desiderio di mettermi in gioco è per me irresistibile».
“Miti Tua” è il terzo romanzo di Adriano Nicosia che arriva dopo “Cogli la rosa evita le spine” e “I Misteri del saio” (entrambi per A&B Editrice), il primo dei quali vanta un prestigioso riconoscimento da parte del Ministero dei Beni Culturali, Direzione Generale Del Dipartimento Cinema (nell’ambito di un progetto di finanziamento cinematografico del 2009). Nel 2011, infatti, Adriano Nicosia ha diretto la produzione del lungometraggio “Un uomo nuovo”.
Il libro è ispirato alla storia vera di una donna sancataldese, la nobildonna Assunta Vassallo ed è ambientato nella prima metà del Novecento. Quello che Adriano Nicosia ha inteso approfondire sono le passioni e le forti emozioni dell’animo umano (in questo caso, in particolare, quello femminile).

All’incontro interverranno oltre all’autore, Adriano Nicosia, anche Carla Condorelli e Mariangela Di Stefano, giornaliste catanesi che si occupano del blog letterario Matte da Leggere e il presidente di Officine Culturali Francesco Mannino.

 

Scrivi