CATANIA – Ivana, Federica, Elisa, Rossella ed Eva vivono una vita semplice, romantica e quieta in una Sicilia di ieri, che profuma ancora di zagara. Sono loro le cinque protagoniste di un riscatto assoluto custodito nel libro “Io donna – Una storia siciliana”, il romanzo d’esordio, aromatico e sensuale, della scrittrice catanese Giusy Africano.Invito presentazione Io Donna

La cinquina tutta al femminile, in cerca dell’emancipazione sociale e politica, è stata scelta dall’editore Bonfirraro per prendere parte nella città etnea ad un grande incontro letterario, che si terrà a partire dalle ore 17 presso la libreria di Villaggio Maori di via Anzalone al numero 14, in quello che è notoriamente conosciuto come il quartiere “Civita”.

10485920_939548992728565_1208786748406845877_n

Giusy Africano

Alla presentazione parteciperanno, oltre all’autrice, l’editore Salvo Bonfirraro e Lucia Maria Caudullo con la moderazione in tandem dei giornalisti catanesi Daniele Lo Portoed Elisa Guccione.

Se il caustico Martoglio portava “letterariamente” gli abitanti della zona in pretura, i “Civitoti” per l’appunto – al fine di farne emergere vizi, tic e virtù di una società arcaica da lì a poco in estinzione – al contrario, Bonfirraro accompagnerà, in una delle zone più belle del centro storico di Catania, cinque donne di carta, quelle narrate nel libro dell’Africano, alleate nella conquista dell’indipendenza e determinate, nei primi anni ’80, a conquistarsi più libertà di scelte rispetto al passato.

885526_10200874140731225_5997734604541751799_o

Daniele Lo Porto

Sono figlie di genitori bigotti e provinciali, vissute in un clima di schemi rigidi, pregiudizi, tabù, radicati soprattutto nel meridione d’Italia, che però acquisiscono, nel tempo, una nuova coscienza di se stesse. Tutte, infatti, vogliono poter vivere i loro amori, dare sfogo alle passioni, le follie e le trasgressioni, tenendosi per mano in una solidarietà femminile e nel condividere una forza nuova: il coraggio della rinascita, che le condurrà a riscattare la loro dignità di donne e a consolidare la loro identità…

11986942_10205245903575202_7891844467725004015_n

Elisa Guccione

«Abbiamo raccolto subito l’invito dell’associazione Talìa – dichiara l’editore Bonfirraro – perché condividiamo la stessa linea di promozione, di rivalutazione e di attivismo sul territorio. Il quartiere della Civita è, in questo caso, anche una sineddoche che si riferisce al più ampio concetto di una Sicilia da rivalutare e ricostruire culturalmente, dimenticata dai piani alti ma viva e resa vivace da coloro la abitano. Proprio per questo abbiamo scelto un romanzo ambientato in Sicilia e frutto della penna di un’ottima conoscitrice dell’anima catanese palpitante».

« Io avevo un sogno nel cassetto – ammette l’Africano, che a Catania insegna nella scuola primaria – ovvero scrivere un romanzo e vederlo pubblicato. E così ho cominciato a planare sulle vite di miei personaggi, scandendo anche i loro sentimenti, le loro emozioni.. e sul loro mondo fatto di tradizioni, regole e tabù tessuti giorno dopo giorni e frantumati gradualmente dagli eventi che decisamente hanno rivoluzionato la loro vita».

Scrivi