di Elisa Guccione

CATANIA – «Il Cinema non va mai in ferie». I nostalgici cinema all’aperto tipici degli anni cinquanta e sessanta, nonostante la devastante crisi socio economica, resistono con orgoglio e dignità al naturale trascorrere degli anni.cinema all'aperto Le varie programmazioni estive riescono ad avere un notevole successo di pubblico, che noncurante delle scomodissime panchine di ferro, i gatti che passeggiano indisturbati tra gli spettatori continuano ogni estate ad affollare queste particolari sale cinematografiche dal tetto trapuntato di stelle. «I film che hanno sbancato i botteghini durante l’inverno, non sono sinonimo d’incassi estivi – racconta Lodovico Gallina, nome noto nel catanese per la gestione dei cinema da oltre cinquant’anni e gestore della famosa Arena Corsaro, il cinema all’aperto etneo più antico ancora attivo – a volte i film più impensabili e, forse, anche quelli più stupidi e meno noti rendono di più. Per esigenze di mercato si è costretti a scendere anche a patti con la qualità cinematografica, anche se cerchiamo, sempre, di rispettare le richieste del nostro pubblico più affezionato».4376003516_65944d8cc5

Sono rimasti in vita in tutta la Sicilia solo venti storiche strutture che vivono grazie alla presenza continua di un pubblico fedele e appassionato, che rinuncia alla comodità dei moderni cinema per rivedere il film cult di una generazione o scoprire i nuovi talenti per arricchire il proprio bagaglio culturale. «La nostra programmazione spazia da film impegnati ad altri più freschi e adatti alla stagione della spensieratezza – spiega Fabio Gaudioso, addetto stampa Cinestudi e porta voce del Cinema Arena Argentina, l’intellettual chic catanese dei cinema all’aperto – siamo soliti utilizzare i nostri spazi anche per serate all’insegna della solidarietà e della cooperazione sociale».arena-argentina-catania

Per molti, ancora oggi, resistere al fascino dell’inossidabile Arena è impossibile. I vecchi cinema all’aperto di Catania come la storica Arena Corsaro, l’ Arena Adua, o l’alternativa Arena Argentina riescono ad avere un notevole successo di pubblico ancor oggi nell’era di Facebook, Twitter e dei più svariati social network.

280px-PaneamoreESofiaeVittorioMambo«I fedelissimi ancora esistono e resistono, sono lo zoccolo duro del nostro lavoro e del nostro pubblico – dichiara Nino Gallitto cineoperatore da quasi sessant’anni – il modo di lavorare è cambiato, soprattutto, con l’avvento del digitale e la crisi ha colpito in modo rovinoso anche il mondo del cinema e della distribuzione dei film, ma poter osservare tante coppie di giovani ragazzi abbracciarsi o scherzare davanti ad un film fa rivivere con piacere la magica atmosfera dei nostri genitori che andavano la domenica con le famiglie a vedere un film della Magnani o della Loren».

Elisa Guccione

Scrivi