Lions Awards 2015: premiati spettacolo, solidarietà, sport e tecnologia siciliani

di Agnese Maugeri, foto servizio Vincenzo Musumeci

CATANIA – Una serata ricca di spettacolo per celebrare la nostra isola e in particolare i talenti “made in Sicily” il nono appuntamento con i Lions Awards si terrà domani sera alle 19.00 al Teatro Ambasciatori. La kermesse, puntuale ogni anno, omaggia le tante eccellenze nostrane che con il loro mestiere rendono orgoglio alla Sicilia, il titolo di quest’anno è Sicilia verso l’Expo: Global Mission FeedsPlanet Earth.

Sono tante le sorprese, i momenti di solidarietà e i noti premi Faro Biscari e Globus Prize che renderanno unica anche questa edizione, durante la conferenza stampa tenutasi all’Hotel Nettuno sono stati presentati dal patron Enzo Stroscio, gli ospiti della serata. Un illustre parterre capitanato dall’attore Pippo Pattavina, insieme a lui tanti nomi noti, il calciatore Peppe Mascara che ha ringraziato la città di Catania per averlo accolto con affetto “per un ragazzo di provincia non è facile inserirsi in una grande città come Catania ma io sono felice e riconoscente perché voi mi avete accolto e voluto bene come Peppe e non come l’uomo in campo, questo mi ha molto aiutato a crescere come persona ”.

E poi, Nino Graziano Luca, giornalista e presidente della Danza Storica Dell’Ottocento, l’attore Angelo Russo, Valentina Cristaldi direttrice dell’Oltredanza Ballet che allieteranno la serata con coreografie inspirate al cibo, ai prodotti e ai profumi della nostra terra.

Non mancherà l’aspetto sociale punto fondamentale della serata, il palco ospiterà pertanto una vera rivelazione Suor Anne Nwiboko direttrice del centro anziani Ain Karim di Carlentini, simpaticamente nominata da Enzo Stroscio la “Sister Act siciliana” che porterà in scena una performance sorprendente. Suor Anna durante la conferenza ha sottolineato l’impegno che la chiesa ha nell’evangelizzare la gente con metodi moderni “sono onorata e felice di essere in mezzo a voi, io non ho molto da dire il mio motto è evangelizzare cantando e danzando, vi ringrazio perché ci avete dato l’opportunità di fare ciò che Papa Francesco ci dice, uscire fuori dalle chiese, e io faccio questo lottando contro il femminicidio, il traffico degli esseri umani e tanti altre campagne sociale”.

Come sempre i Lions Awards si occupano di tecnologia, anche quest’anno un premio sarà riservato a questo settore e in particolare all’innovazione al servizio della comunità internazionale nella ricerca di soluzioni efficaci tramite l’impegno di robot umanoidi nel campo assistenziale. L’azienda leader è la Behaviours lab rappresentata da Daniele Lombardo “per noi che siamo una piccola startup catanese è un piacere essere qui, è importante ricevere un premio adesso che non siamo tanto famosi perché questo gratifica e stimola il nostro operato. La Behaviours Lab si occupa di robotica e realtà virtuale altamente inversiva applicata ai settori del benessere e della salute, cerchiamo di dare l’anima ai robot rendendo semplice una tecnologia complessa in modo che sia utile per la società e non sia più vista come un giocattolo. Harry Ford diceva c’è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti è questo il nostro scopo soprattutto farli diventare utile  in alcune patologie come l’autismo e i disturbi comportamentali. Una grande sfida che noi abbiamo abbracciato ma il percorso è il lungo, la sperimentazione è iniziata da qualche mese grazie alla collaborazione di strutture sanitarie, centri di ricerca e cooperative sociali, speriamo di ottenere presto risultati entusiasmanti”.

A presentare la serata sarà l’editore e patron Enzo Stroscio affiancato da una madrina d’eccezione la campionessa di pallavolo Donatella Pizzo e dall’attore Aldo Messineo che riserverà simpatici siparietti al pubblico presente.

Pippo Pattavina nel suo intervento ha ringraziato il Lions per il premio alla carriera dicendo” ho 77 anni e forse oggi sono uno dei decani del teatro italiano perché sono sul palco da più di 60 anni, ho girato il mondo con gli spettacoli sono un attore che ha toccato tutte le sfaccettature del teatro. Se un pregio si può attribuire alla mia professione è che sono generosissimo dò il massimo di me stesso non riesco a risparmiarmi ma questo non ha niente a che vedere con la bravura. Nel cinema ho fatto diversi ruoli anche con Tornatore ma un attore di teatro recita con il corpo, con la voce invece sul set bisogna essere trattenuti non si deve eccedere e questo non è fatto per me, io vivo per il teatro”.

Non solo grandi ospiti ma anche molta musica con il coro gospel Cara’s Free Spirit diretto da Pippo Tasca e Marie Kolie Konate un esempio positivo di integrazione sociale, e con i Clustersun, quattro musicisti etnei (Marco Chisari, Mario Lo Faro, Piergiorgio Campione e Andrea Conti) che portano in giro per il mondo, insieme alla loro musica, una fusione tra shoegaze, new wave e post punk, il lato artistico migliore della nostra Catania.

Una serata di gala che si preannuncia entusiasmante, appuntamento a domani sera al Teatro Ambasciatori.

Agnese Maugeri

Foto Servizio: Vincenzo Musumeci

A proposito dell'autore

Divoratrice di libri con una brutta dipendenza adoro “sniffare” quelli nuovi. Logorroica, lunatica, testarda. Amante del teatro, ballerina mancata, l'altezza (esagerata) ha infranto il mio sogno. Appassionata di cinema, tutto ma non horror. Scrittrice per indole, il modo più istintivo per sentirmi bene, prendere carta e penna e scrivere Aspirante giornalista per vocazione e CakeDesigner per diletto. Non sto mai ferma puoi incontrarmi mentre recensisco un evento, una prima o un vernissage, con in borsa un libro e biscotti per ingannare l'attesa!

Post correlati

Scrivi