di Carlo Barbieri

L’Italia è un paese in cui molte istituzioni somigliano sempre di più a barattoli di conserva andati a male.

Nate con le migliori intenzioni ma non adeguatamente sterilizzate né controllate, hanno costituito un ottimo terreno di coltura per privilegi e malversazioni, e nel tempo hanno cominciato a fermentare diventando un velenosissimo “qualcos’altro”. Un processo lento, al riparo di una apparente trasparenza e di rassicuranti etichette. Poi ogni tanto qualcuno fa saltare un tappo e ne viene fuori una puzza terribile.

Qui c’è uno degli ultimi episodi: http://notizie.virgilio.it/videonews/in-pensione-con-solo-mese-di-contributi-denuncia-delle-iene.html

A proposito dell'autore

Carlo Barbieri è nato nel 1946 a Palermo. Si autodefinisce un chimico arrugginito e un marketer pentito prestato alla letteratura. Nella sua “prima vita” è stato manager in una multinazionale chimica americana ed è visssuto a Palermo, Catania, Teheran, Il Cairo. Adesso scrive racconti e gialli e risiede a Roma; Carlo Barbieri è titolare di rubriche su “Sicilia Journal” e “Malgradotutto”, e collabora con Ultima Voce e Fatti Italiani

Post correlati

Scrivi