“Le due vittorie consecutive in trasferta, nelle condizioni di apprensione in cui la squadra viveva, tra preparazione atletica ancora approssimativa e mercato concluso da poche ore, certamente non erano prevedibili”. Questo è il pensiero del nostro direttore, Daniele Lo Porto, intervenuto come ogni venerdì ai microfoni della trasmissione radiofonica Catanista, con Attilio Scuderi e Nicolò Marchese per prendere in esame l’attuale momento vissuto dalla società rossazzurra.

“Vedere il Catania vincere le prime due partite e per giunta meritatamente è stata quindi una grande e piacevole sorpresa. Mi hanno impressionato anche perchè sono arrivate dopo espulsioni a nostro sfavore nel caso di Matera e nei minuti di recupero a Monopoli, e rappresentano eccezionalità che in passato non eravamo più abituati a vedere.  Adesso, in casa contro l’Ischia Isolaverde, la ghiotta opportunità di azzerare la penalizzazione e dare davvero il via al nostro campionato. Al Massimino, domenica, mi aspetto di vedere almeno 10.000 tifosi. L’esordio col botto del gruppo agli ordini di Pancaro ha riavvicinato la gente alla squadra.

Scarsella goleador? Se continua così arriverà a 50 reti segnate e bisognerà chiamarlo Maradona. In ogni caso ha già smentito l’handicap del suo cognome (sorride scherzosamente), dimostrando di avere qualità importanti.

Se il Catania continuasse a questi livelli le quotazioni del club salirebbero, e credo che Pulvirenti cercherebbe in ogni modo di frenare la cessione del club”.

 

Scrivi