CATANIA − Il coordinatore di Fratelli d’Italia per la Sicilia Orientale Sandro Pappalardo interviene sull’annosa questione del gioco d’azzardo all’indomani della previsione nella legge di Stabilità della messa a bando di 22mila sale giochi e spazi per le slot.

“Il governo Renzi – spiega Pappalardo – legittima il gioco d’azzardo e se ne infischia delle migliaia di famiglie sul lastrico a causa delle slot. Vi sono circa 800mila italiani colpiti da ludopatia ma conosciamo la moral suasion dei poteri forti sul Pd: è più importante compiacere le grandi aziende che tutelare gli italiani”.

“Il nostro consigliere di Vittoria, Giovanni Moscato, ha proposto al proprio Comune di tagliare le tasse locali per gli esercenti che rinunziano alle slot. Noi chiediamo, come già avvenuto in tante altre Regioni, l’intervento della Regione Siciliana per introdurre una specifica premialità per chi rinunzia alle slot, come il taglio dell’Irap, e una regolamentazione precisa della distanza delle sale giochi dai luoghi sensibili quali scuole, oratori, luoghi di culto e ospedali”.

“L’azzardo è il primo mercato di spesa pro capite – conclude Pappalardo – è inaccettabile che i nostri amministratori non intervengano seriamente visti i pesantissimi sociali che pagano i cittadini”.

Scrivi