20150908_135046
Catania – un caldo pomeriggio di fine estate, sul Lungomare liberato, libri in circolo e tanti lettori curiosi intervenuti all’iniziativa avviata dall’Assessorato alla Cultura, in collaborazione con l’Azienda Metropolitana Trasporti, che ha trasformato un vecchio autobus in una biblioteca mobile, ribattezzata Autobooks.
In concomitanza al progetto libri in circolo, si è svolto l’evento di Oriana Conte: “Una domenica SuiGeneris”, dove la giovane editrice di origini catanesi, ha presentato i libri editi da SuiGeneris.
Davanti al Monumento ai Caduti, la Conte, ha intrattenuto e fatto partecipare il pubblico intervenuto con esercizi di scrittura creativa, quiz, sfide, curiosità, racconti creati dai passanti, soprattutto bambini, e per i presenti, mentre altri chiedevano in prestito i libri portati ‘a spasso’ dal bus, parcheggiato lì sin dalle 17.
Alle 19 si è dato inizio alle presentazioni dei libri.
“Gli scrittori hanno bisogno degli interlocutori per non morire soli e pazzi”, e i lettori sono come degli interlocutori. Oriana si rivolge così ai presenti, con una citazione salvifica di Natalia Ginzburg.
20150908_135806
SuiGeneris è una casa editrice anticonvenzionale, e la presentazione dei libri non poteva essere diversa. L’editrice, nonché presentatrice, è una simpatica 24 enne, catanese, che stabilitasi a Torino, nel 2014, ha deciso di coltivare la sua passione per i libri.
Una presentazione ‘antimaieutica dialogo lettureggiante’, una presentazione in cui il pubblico viene chiamato a leggere, citazioni come spunto di partenza, per parlare dei libri pubblicati.
“Per essere felici bisogna inseguire le proprie passioni, il lavoro che ciascuno svolge, deve essere un lavoro che piace, appassiona. Solo così possiamo sperare di essere felici” – esordisce Oriana.
20150908_141227
Presenta i “Racconti gialli”, quattordici autori, accomunati da una passione per il genere giallo, genere che diviene pretesto per fare interagire il lettore, che sotto la minaccia di quel ‘qualcosa che sta per accadere’ deve leggere, riflettere, rileggere per trovare elementi mancanti e soluzioni più o meno evidenti, che lo catapulteranno in una dimensione inaspettata.
“Tutto relativo tranne il vento” di Sergio Cicala, avvocato con la passione per la scrittura, è un gioco di esercizio linguistico che con umorismo e leggerezza incanta il lettore.
“Carmen” presentato dal giovanissimo Vincenzo Grasso, che si rifà a una Lolita postmoderna, trattando il tema dell’adolescenza, e della violenza. “ La violenza di cui si parla in Carmen è una sorta di forzatura di un equilibrio naturale, è stabilire un ordine a un caos che si tiene dentro, è un urlo inespresso, una difficoltà di comunicazione con l’ambiente circostante. Questo caos che viene ordinato giungendo al suo punto di rottura, a liberare ciò che poi diviene il moto di tutta la storia, ciò che caratterizza gli eventi. Un cammino che mi piace definire ‘sacrificio’, la definizione etimologica di ‘sacrificio’ è la produzione di cose sacre, e ciò che è sacro in questo romanzo, è proprio il dolore che non viene espresso.”
Vincenzo in “Carmen” utilizza un cameramen per narratore, un occhio esterno e l’uso della seconda persona singolare che vuole canzonare la protagonista, ma che infine diviene una dichiarazione d’amore.”
Una scelta stilistica che coincide con il significato di scrittura scelta dall’autore, “una scrittura che non vuole né essere menzogna, né verità assoluta, un linguaggio che corrompe la realtà, la muta, ma che mai la disperde”.
20150908_141305
“Sono fortemente convinta che i giovani debbano investire e credere nel loro talento, essi sono promotori di idee nuove e messaggi che vanno ascoltati” – annuncia così, Oriana Conte, il nuovo concorso per giovani talenti “L’O studente fuori (sede)” Un concorso che abbraccia tutti gli studenti d’Italia emigrati dalla loro regione natia in altra sede.
Dunque, se siete studenti fuori sede, e avete la passione per la scrittura, sbizzarritevi a raccontare di avventure che, verranno premiate, con un corrispettivo in denaro e/o la pubblicazione in una raccolta edita da SuiGeneris.
Il concorso è valido sino al 15 ottobre 2015, termine ultimo di invio dei testi prodotti ai fini del concorso via mail a: edizionisuigenerislegalmail.com.
Per maggiori informazioni visitate il sito: www.edizionisuigeneris.it

Anna Agata Mazzeo

Scrivi