di Carlo Barbieri

Il Comand-INCHIN-ante Schettino è stato invitato da un professore della Sapienza a intervenire a proposito della “Gestione dei momenti di panico”. Penso a Carlo M. Cipolla, Professore Emerito a Berkeley, e al suo meraviglioso “Le cinque leggi della stupidità umana”. Guardate cosa dice in un saggio a proposito della seconda legge (che per brevità potremmo riassumere in “Gli stupidi sono dappertutto”):

“Potremmo supporre che (la stupidità, ndr) sia in relazione con il basso livello culturale o col fatto che le persone non stupide hanno maggiori opportunità di avere buoni lavori. Però se analizziamo gli studenti ed i professori universitari (omissis) la percentuale (di stupidi, ndr) è esattamente la stessa”.

Si spiega così come un professore della Sapienza sia potuto arrivare a invitare uno Schettino a parlare di gestione del panico. A quando il rapinatore di banche invitato a parlare di sistemi di sicurezza e uno dei chirurghi che operavano senza necessità alla clinica S. Rita di Milano a parlare di malasanità?

 

 

 

 

 

Scrivi