Katya Maugeri

È morto il boss Bernardo Provenzano. Lui, Binnu u’ Tratturi, così chiamato per la violenza con cui uccideva i suoi nemici. Lui, con l’amico Totò Riina dà origine alla guerra di mafia, quella sanguinaria, atroce, in quegli anni ’80 che rimangono tuttora nella memoria di ognuno di noi, compiendo la scalata che li porterà ai vertici di Cosa nostra. Nel 1993, dopo l’arresto di Riina, Bernardo Provenzano diventa il capo della cupola mafiosa e dà il via alla cosiddetta «strategia della sommersione», che, dopo le stragi, ha portato Cosa nostra ad allentare la violenza della sua guerra allo Stato proprio mentre partiva la controffensiva delle forze dell’ordine culminata con l’arresto di tutti i superlatitanti, a cominciare proprio da Riina. Dopo 43 anni di latitanza, l’11 aprile del 2006 Provenzano venne arrestato dai poliziotti della Squadra mobile di Palermo e dagli agenti della Sco: viveva in una casolare nelle campagne di Corleone, la sua città natale, luogo identificato seguendo la fitta rete dei «pizzini», i biglietti utilizzati dal boss per comunicare con la famiglia e il resto dell’organizzazione mafiosa. Dal carcere ha più volte tentato di comunicare con l’esterno. Nel 2011 viene confermata la notizia di un cancro alla vescica, è morto qualche ora fa nel reparto ospedaliero di San Vittore dove era detenuto da quasi due anni.
Muore così Bernando Provenzano, uno dei criminali italiani più conosciuti al mondo, per il suo potere e la sua crudeltà.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Katya Maugeri

Determinata. Umorale. Contraddittoria. Parlare di me? Servirebbe un’altra me per farlo. Riesco ad analizzare, esaminare varie tematiche senza alcun timore, ma alla richiesta autoreferenziale, ecco la Maugeri impreparata! Caos. Ed è proprio in questo caos che trovo ciò che mi identifica, trovo stimolante tutto ciò che gli altri, per superficialità, ritengono marginale, amo trovare e curarne i dettagli. Credo che trattenere i pensieri e sentirli dibattere nella mia mente sia l’essenza della mia “devozione”. Amo scrivere, serve scriverlo?

Post correlati

Scrivi