1CATANIA – Si ricordano oggi i trent’anni dalla morte del commissario di Polizia Beppe Montana, assassinato dalla mafia il 28 luglio 1985 mentre si trovava in compagnia della fidanzata a Porticello, nel palermitano. Anche la città di Catania, in cui Montana è cresciuto, lo celebra con una serie di iniziative.

Alle 10 ore, nella chiesa San Michele ai Minoriti di via Etnea, sarà celebrata una messa in suffragio di Montana e dell’ispettore capo Giovanni Lizzio, ucciso ventitrè anni fa a Catania, sempre il 28 luglio. Il rito religioso, celebrato da don Luigi Ciotti (presidente di Libera) e dal cappellano della Polizia di Stato padre Salvatore Interlando, alla presenza del Questore di Catania Marcello Cardona e delle autorità cittadine, sarà preceduto dalla deposizione di una corona sulle tombe dei caduti.

Sempre in mattinata, dalle ore 8,30 alle ore 12, si svolgerà una raccolta di sangue in piazza Santa Nicolella, davanti alla Questura, organizzata dal Sap in collaborazione con l’ADVS FIDAS di Catania, e destinata al centro di talassemia dell’Ospedale Garibaldi.

Nel pomeriggio anche i bambini dell’orchestra Falcone Borsellino saranno impegnati a ricordare il commissario Montana.

Alle ore 18, davanti alla lapide della Questura – alla presenza del Questore e degli alti funzionari di polizia –   il piccolo Michael suonerà il silenzio in onore di Montana e Lizzio. È previsto un intervento dell’ispettore Pippo Giordano che, sia pur telefonicamente, dirà ai bambini un suo pensiero sull’amico e collega ucciso dalla mafia.2

Alle 18.30, in piazza Duomo, l’orchestra sinfonica Falcone Borsellino – diretta da Serena Sicari – eseguirà un concerto di musica classica in memoria delle vittime di mafia.

Le celebrazioni si concluderanno alle ore 18 a Palazzo Platamone, con il convegno “La memoria libera il futuro”. Dopo l’introduzione dell’orchestra Musicainsieme di Librino, interverranno: il sindaco di Catania Enzo Bianco, don Luigi Ciotti, il Questore Marcello Cardona, il giornalista Attilio Bolzoni, Vincenza Speranza e Maria Pia Fontana dell’Ussm, Dario Montana, fratello del commissario ucciso e coordinatore di Libera Catania.

Scrivi