ADRANO – L’impianto di calcestruzzi “Cra Group” di Adrano (Catania) è stato sequestrato durante controlli preventivi antimafia disposti dal Prefetto di Catania perché senza l’autorizzazione alle emissioni in atmosfera e dell’Autorizzazione unica ambientale. L’operazione è stata compiuta dal “Gruppo Interforze” composto da Dia, Polizia di Stato, carabinieri, Gdf, Provveditorato Opere Pubbliche, Direzione Territoriale del Lavoro, nell’occasione integrato anche con personale del Servizio Ambiente e Polizia Provinciale della Città Metropolitana di Catania e del Distretto Minerario.
Il personale del distretto minerario ha disposto la sospensione delle attività lavorative, rilevando nella gestione dei due impianti di frantumazione “macroscopiche violazioni alla normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro”. La Polizia di Stato ha sequestrato l’impianto di calcestruzzo e segnalato all’autorità giudiziaria il responsabile dell’attività produttiva e l’amministratore unico della società “Calcestruzzi dell’Etna”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi