ROMA – dal nostro inviato Alessandro Ferro

Sono rimaste in tre, Schiavone, Errani e Pennetta, in rigoroso ordine temporale di passaggio del turno. Potevano essere le magnifiche 4, ma Camila Giorgi non è riuscita ad approdare agli ottavi di finale a causa della sconfitta contro la tennista statunitense Christina Michale, numero 63 del mondo. Ed il rammarico è tanto dopo un primo set in cui la Giorgi è riuscita ad imporsi  6-1 senza faticare più di tanto e dando una netta impressione di superiorità e di saper controllare l’incontro. L’ansia sembrava averla spazzata in avvio di gara, quando dopo il doppio fallo che le è costato il primo quindici, è andata a vele spiegate. Ma è stato proprio il servizio il punto debole della sua gara, con pochissime prime palle e numerosi doppi falli, specie nel terzo e decisivo set. Punteggio finale a favore della Michale di 1-6 6-3 6-1. “Stavo giocando bene nel 1°set, non ho fatto molti errori, poi ho iniziato a fare errori e sono uscita di testa” – ha ammesso la Giorgi in conferenza stampa, che avrebbe fatto volentieri a meno di giocare in doppio il giorno precedente: “Ho fatto un doppio che non volevo giocare, è un altro sport e non fa per me, a me piace stare da sola in campo, non credo giocherò più un doppio”.

sport_focus_image98e7f4dfc99c5ad468c4adc02ba50ad3

Grande vittoria e prestazione della leonessa Francesca Schiavone, che d’esperienza ha la meglio sulla spagnola Garbine Muguruza (34esima nel ranking WTA) 3-6 6-1 7-6. Dopo un set di assestamento, Francesca ha dominato il secondo e sulle ali dell’entusiasmo ha vinto il tie-break decisivo nel terzo. Adesso troverà la fortissima polacca Radwanska numero 3 del mondo. Non tradisce le attese nemmeno Sara Errani, che si sbarazza abbastanza agevolmente della russa Ekaterina Makarova (24 del mondo) per 6-2 6-3. Agli ottavi se la vedrà con la ceca Petra Cetkvoska proveniente dalle qualificazioni. A chiudere il quadro delle vincitrici, nel pomeriggio ci ha pensato Flavia Pennetta che davanti al pubblico del Pietrangeli ha sconfitto Belinda Bencic, svizzera e 96esima al mondo. Gara molto intensa e combattuta, conclusa 2-6 6-2 3-6 a favore della bella pugliese.  Primo set vinto agevolmente, nel secondo la Pennetta ha avuto un passaggio a vuoto cedendo quattro punti di fila. Si arriva al terzo, quando Flavia ha alzato il livello di gioco e messo in seria difficoltà la Bencic. 6-3 finale e tanta fiducia per la nostra giocatrice che domani incontrerà la durissima serba Jelena Jankovic, numero 8 del mondo.

Tra gli uomini, oltre al passaggio del turno di Murray contro lo spagnolo Granollers (6-2 7-5), in serata è avvenuto il debutto di un altro spagnolo più celebre e famoso, Rafael Nadal, che se l’è vista brutta contro l’ottimo Gilles Simon. 7-6 6-7 6-2 per Nadal dopo oltre tre ore di gioco, che sembrava volesse seguire le orme di Federer. Due tie-break nei primi due tiratissimi set (primo in favore dello spagnolo, secondo il francese) e combattuti punto a punto fino a quando Nadal, 3-2 per lui nel terzo, è bravo a salvarsi da una palla break e ad indirizzare l’incontro in suo favore. Da quel momento per Simon sarà l’inizio della fine, non riuscendo più a rimanere concentrato e con colpi via via sempre meno efficaci, come se avesse staccato la spina. Tanti gli applausi del pubblico del Centrale al francese, che gli ha reso il giusto tributo per aver quasi giocato un brutto scherzetto al numero 1 del mondo.

nadal13844238941871

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi