ACIREALE – E’ appena iniziata la conta dei danni ad Acireale, in ginocchio per i danni causati da una tromba d’aria che stamattina ha attraversato  il territorio comunale.

Il vento ha scoperchiato i tetti di edifici pubblici e di tante abitazioni, tanti gli alberi sradicati e spezzati e i pali dell’illuminazione divelti che sono precipitati in strada.

10290008_10205235828086145_2625368065744140046_n‹‹Abbiamo chiesto lo stato di calamità alla Regione e il presidente Crocetta è già stato raggiunto all’Ars dalla notizia. Abbiamo danni enormi, l’unica cosa che ci consola è sapere che al momento non risultano né morti, né feriti gravi. Ci sono case letteralmente distrutte, a parte i tetti, sono crollati muri e il balcone di un palazzo nel centro, gente a bordo della propria auto è stata sollevata dalla forza del vento, è un miracolo che il bilancio sia questo,- dichiara il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo-. I Vigili del Fuoco, i volontari della Protezione civile, gli uomini delle Forze dell’ordine sono tutti in strada per rispondere alle emergenze, è un momento di grossa difficoltà, stiamo cercando di valutare quali strutture siano inagibili e stiamo allestendo la palestra del Liceo scientifico Archimede per accogliere gli sfollati e anche i padri camilliani metteranno a disposizione qualche stanza. Intanto gli uomini che abbiamo non bastano per mettere in sicurezza tutta l’area danneggiata. Ho contattato anche la Prefettura, è necessario che ci inviino dei rinforzi››. Intanto è già stata attivato preso l’Area Com di corso Italia l’Ufficio censimento danni, che si occuperà della verifica dei danni e dell’agibilità degli immobili. S’invitano i cittadini che hanno subito danni ad effettuare subito le segnalazioni che verranno protocollate nella stessa sede. ‹‹Era un evento che non potevamo prevedere, la tromba d’aria ha attraversato la città in due fasi, poco dopo le 11.00 e un’ora dopo. Gli effetti sono stati devastanti da nord a sud, da Piano D’Api a Santa Caterina. Il bollettino della Protezione Civile indicava il “preallarme” per il rischio idrogeologico è ben altra cosa rispetto a quanto è successo e non era prevedibile››, spiega l’assessore alla Protezione Civile, Rory Pietro Paolo. Il sindaco, Roberto Barbagallo, e l’assessore alla Protezione Civile, Rory Pietro Paolo, alla luce della gravità dell’evento hanno proclamato l’allerta meteo per le prossime 24/36 ore. Si consiglia di evitare ogni spostamento, se non indispensabile, anche per favorire le operazioni di messa in sicurezza nel territorio. Domani le scuole resteranno chiuse e sarà disposta anche la chiusura degli uffici per la verifica dell’agibilità delle strutture.

Per le emergenze s’invitano i cittadini a contattare i seguenti numeri:

Uffici Protezione Civile: 095 895616; 095 895622; 3204357014,  320 4357009

Sindaco: 329 3545400

 

Scrivi