CATANIA − “Ho chiamato personalmente il dirigente generale della Protezione civile regionale Calogero Foti il quale mi ha assicurato che, a giudicare dalle previsioni meteorologiche, non vi sono condizioni di allarme per oggi a Catania. Ne approfitteremo per attuare, con la collaborazione della Protezione civile, un controllo straordinario delle condizioni delle scuole della città, alcune particolarmente colpite dal maltempo di ieri”.
Lo ha detto il sindaco Enzo Bianco che a Roma, come presidente del Consiglio nazionale dell’Anci era stato promotore di un incontro tra il Governo, tutte le Regioni e i Sindaci, per stabilire regole condivise sugli allerta meteo e dar vita a un codice di comportamento che consenta ai Comuni di affrontare tempestivamente le scelte che riguardano i cittadini.
Ieri Bianco ha parlato in Giunta di quanto discusso in Conferenza unificata a proposito di allerta meteo e anche del fatto che, a ogni allerta meteo, i Comuni devono pagare la reperibilità dei dipendenti. Sindaco e assessori hanno rilevato la necessità di avere indicazioni precise dai tecnici che analizzano le previsioni meteorologiche.
“I Comuni – ha spiegato l’assessore alla Protezione civile Luigi Bosco – sono chiamati a decidere su elementi molto delicati come per esempio la chiusura delle scuole quando dagli esperti giungono segnali contrastanti. Si dovrebbe inoltre pensare, probabilmente, a previsioni più specifiche per i singoli territori”.
Intanto, nel corso della giornata di ieri, il centro operativo della Protezione civile comunale ha ricevuto centinaia di chiamate. Spesso i problemi segnalati erano legati al deflusso dell’acqua e si sono risolti in breve tempo. Anche a causa dell’acqua proveniente dai paesi etnei in diverse zone della città (via Etnea, via Galermo, viale Moncada, nelle piazze Santa Maria di Gesù e Stesicoro) sono saltati caditorie e tombini, che sono stati poi ricollocati. In via Tomaselli un’utilitaria è caduta in un tombino e la Protezione civile ha fatto uscire dalla vettura una signora incinta e il marito. Lo stesso è avvenuto in via Messina. Due gli interventi con le idrovore per allagamenti all’esterno della scuola Parini e nel primo piano della Calvino. Interventi con grosse idrovore sono stati compiuti nel Villaggio Santa Maria Goretti, nel parcheggio Bellini e nella base di Maristaeli. Privati hanno segnalato allagamenti in via Matteo Ricci, in via San Paolo e via Manzella.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi