L’allerta meteo lanciata nei giorni scorsi dalla Protezione Civile per il centro-sud dell’Italia sta provocando disagi anche in Sicilia.

La neve caduta a bassa quota nel Palermitano ha creato difficoltà agli automobilisti, e ha imposto l’obbligo di catene sulla Palermo-Agrigento, e di catene a bordo sulla Palermo-Catania e sulla Palermo-Mazara del Vallo, dove stamattina si sono verificati tre tamponamenti causati dal maltempo, motivo per cui i mezzi dell’Anas si sono messi in azione per liberare il manto stradale dalla neve. Pioggia e vento a Messina dove per precauzione oggi le scuole sono rimaste chiuse e l’attività didattica universitaria è stata sospesa.

Allerta anche sulle Madonie e sui Nebrodi dove è obbligatorio l’uso di catene. Nevica alle Eolie, sullo Stromboli e a Salina, non solo sul Monte Fossa delle Felci, alto quasi 1000 m., ma anche a bassa quota nel comune di Malfa. Le isole rimangono per ora isolate a causa del mare mosso che ha costretto ad interrompere i collegamenti marittimi.

A Catania, dove nelle prime ore del mattino si è abbattuta una violenta perturbazione, le temperature, secondo le previsioni meteo, sono destinate a scendere fino a 3 gradi, la massima prevista per oggi è di 7 gradi, ma la città non sarà imbiancata, solo domani è previsto un lieve rialzo climatico. Sull’Etna, dove le strade sono impraticabili senza catene, la neve è arrivata fino a 300 m. alle porte di S. Giovanni La Punta, stamattina infatti Trecastagni e Mascalucia si sono svegliate con i tetti imbiancati. Anche le zone di Paternò e Caltagirone sono state interessate da precipitazioni nevose. Le nevicate più abbondanti interesseranno comunque il settore settentrionale dell’Etna, di Linguaglossa e Randazzo.

 

Scrivi