Mario Incudine nella sua Enna fa risplendere il Teatro

di Elisa Guccione

Foto Servizio Vincenzo Musumeci

BELPASSO – Grintoso e determinato come l’ambizioso progetto teatrale che dirige con successo e passione per il secondo anno consecutivo nella sua città. Mario Incudine con la forza e l’innata professionalità che lo contraddistingue fa ritornare la gente di ogni età a Teatro. Diritto come un treno e appassionato come quando suona e canta sul palco, con i trentadue appuntamenti in cartellone, è pronto ad affrontare una nuova scommessa culturale con l’inaugurazione della rassegna, domenica 29 novembre, affidata al Maestro Franco Battiato. Incontriamo il musicista, mentre accorda la sua inseparabile chitarra, nel backstage della XXIX edizione del Premio Martoglio, poco prima di ricevere il riconoscimento Athena 2015 per lo spettacolo.

Ph Vincenzo Musumeci

Ph Vincenzo Musumeci

Quanto è stato difficile organizzare questa rassegna?

“Ho faticato molto per creare una stagione così ricca. Molti amici, spero di non dimenticare nessuno, come Franco Battiato, Alessandro Gassman, Kaballà, Paola Turci, Mauro Ermanno Giovanardi, Tullio Solenghi, Maddalena Crippa, Marco Paolini, Geppy Gleijeses, Ascanio Celestini, Amanda Sandrelli, Teresa Mannino, I Tazenda e Peppe Servillo mi hanno onorato della loro presenza. Sono felice di aver avuto la fortuna di vedere, a pochi giorni dall’apertura del botteghino, il pubblico attendere anche cinque ore di fila per acquistare gli abbonamenti. Ho cercato di portare una grande varietà di professionisti qualitativamente ineccepibili con delle unicità esclusive per la Sicilia come Stefano Bollani che farà tappa solo ad Enna”.

Ph Vincenzo Musumeci

Ph Vincenzo Musumeci

Penso che il lato economico non sia stato facile da superare

“A differenza di quello che si possa pensare questa rassegna costa veramente poco, perché grazie alla sinergia con altri teatri e alla telefonata diretta fatta ad amici e colleghi sono riuscito a realizzare una programmazione prestigiosa a costi contenuti”.

Come mai molti però non riescono a farlo, forse, non vogliono?

“Preferiscono, probabilmente, non fare lo sforzo di curare i rapporti personali o mettere a frutto le consolidate amicizie decennali coinvolgendo gli artisti fino a farli innamorare del progetto a cui si crede. A tutti coloro che hanno aderito a questa mia idea ho solamente cercato di trasferire il mio amore verso questa sala di trecento posti al centro della Sicilia riaperta dopo quattordici anni con un pubblico che ha sete di cultura”.

Ph Vincenzo Musumeci

Ph Vincenzo Musumeci

Quanto ha influito lo straordinario successo della precedente programmazione su quest’altra nuova scommessa culturale?

“Molti artisti mi hanno cercato per vivere l’atmosfera teatrale di Enna, perché fortunatamente si è diffusa la positività di questo luogo. Sicuramente non è stata una prova facile da affrontare e superare ma quando, durante l’inaugurazione della stagione, ho visto materializzare davanti ai miei occhi tutti gli spettacoli incastonati come dei diamanti non posso negare di aver provato una grande soddisfazione”.

Ph Vincenzo Musumeci

Ph Vincenzo Musumeci

In Italia i Teatri chiudono mentre ad Enna il Garibaldi gode di ottima salute

(ride)

“Sfatiamo il luogo comune che il Teatro sia morto, perché non è vero”.

Elisa Guccione

Foto Servizio Vincenzo Musumeci

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Elisa Guccione

Passionale, grintosa ed innamorata del suo lavoro. Abbandona la carriera giuridica per realizzare il suo sogno: scrivere. Testarda e volitiva crede nella forza trascinatrice dei propri sogni e combatte per realizzarli. Sempre pronta con il suo inseparabile registratore a realizzare un’intervista. Si occupa di Teatro e Comunicazione da anni. Non ha paura delle sfide, anzi, la stimolano ad andare avanti.

Post correlati

Scrivi