Appuntamento, oggi alle ore 20,00, presso il “tempio sacro” della cultura mascaluciese, l’Auditorium “San Nicolò”

MASCALUCIA – Il compositore Gabriele Denaro festeggia oggi i suoi 25 anni di carriera presso il “tempio sacro” della cultura mascaluciese, l’Auditorium “San Nicolò”.
L’incontro, fissato per le ore 20,00 e condotto da Carmelo Di Mauro, sarà un lungo viaggio sulla tastiera del pianoforte del pianista. Un viaggio musicale e visivo, un talk show inedito.
I 25 anni di carriera vanno festeggiati. E il modo migliore è offrire una serata magica ai fan del musicista che proprio il  oggi compie 50 anni con un bagaglio di ben 400 composizioni per pianoforte, trio, quartetto, ensemble, formazioni cameristiche e orchestre sinfoniche. L’appuntamento è per le 20. Sarà una serata unica, in compagnia di artisti catanesi, una serata una tantum in cui si ascolteranno anche pezzi inediti.
“Oggi ho meno pudori di ieri”, confessa il musicista, “e mi sento più libero di esprimermi”. “E oggi voglio esprimere la mia gratitudine alle migliaia di persone che mi hanno ascoltato, che amano la mia musica tanto introspettiva, quanto espansiva al contempo… somiglia molto al mio carattere”.
Gabriele Denaro si definisce “un sognatore” e si stupisce di avere tanta voglia ancora di comporre. “Credo che smetterò quando smetterò di vivere, perché la musica è la mia vita”. La sua musica, che è stata definita dalla critica “Musica per l’anima”, affonda le radici in una salda formazione classica, incline al genere colonna sonora. Le sue melodie, sempre di grande impatto emotivo, lo rendono uno degli artisti più apprezzati dal pubblico e dalla critica internazionale.
Ha iniziato a studiare pianoforte all’età di 8 anni. A 14 sente il desiderio di creare musica. Per anni compone brani per solo pianoforte. Prima semplici e orecchiabili. Richiestissime  in quel periodo fra i suoi amici la numero 1, la 9, la 21, la 36…  Nel 1990 (esattamente 25 anni fa) propone il suo primo concerto pubblico, con un programma pianistico intenso: brani del repertorio classico alternati a sue composizioni molto impegnative, virtuosistiche e di grande effetto. Man mano tralascia la proposta musicale classica, optando per concerti con brani pianistici di sua creazione.
Nel 1997 la svolta: con altri 7 musicisti inizia a proporre sue composizioni per più strumenti, avvalendosi anche dell’elettronica, sostituendo alcuni suoni orchestrali con suoni campionati. Nel maggio 2000 quattro novità assolute racchiuse in un unico concerto: suonare per la prima volta nella sua vita all’estero (Romania); con un’orchestra; suonare per la prima volta la sua musica orchestrale con oltre 40 professori d’orchestra; registrare il suo primo cd “live”.
Da quel giorno inizia  il suo tour che lo porta in pochi anni a calcare i palcoscenici di 12 nazioni europee, quasi tutte capitali, nonché in Egitto (Cairo ed Alessandria). In veste di compositore e pianista si esibisce in Italia, Francia, Spagna, Russia, Belgio, Lussemburgo, Romania, Bulgaria, Germania, Svizzera, Ucraina ed  Egitto.
Nel 2011 la Gilgamesh Management produce il suo 6° Cd dal titolo “L’Attesa”. L’anno successivo l’omonimo videoclip girato al “Castello degli Schiavi” a Fiumefreddo di Sicilia, reso celebre per le riprese del pluripremiato film “Il padrino”. Gli ultimi lavori le colonne sonore di un cortometraggio, “Fino all’ultimo piano” e un mediometraggio intitolato “Accanto a me”.
Per il 2016 ancora concerti in Italia ed all’estero ( Europa, Oriente, America) e  la realizzazione delle colonne sonore per diversi progetti filmici, cinematografici e televisivi.

Scrivi