MAZARA DEL VALLO – Si è aperto  con  il primo dibattito dal titolo “ Il dialogo tra i popoli: il progresso del Blue Sea Land “ nell’aula consiliare. Vi sono stati diversi interventi istituzionali, fra i quali quelli degli ambasciatori del Marocco, della Guinea Equatoriale e del decano degli ambasciatori accreditati in Italia, Mamadou Kamara Dekamo. In realtà i diversi interventi non hanno portato nulla di nuovo alla nutrita platea, attenta ed internazionale. Qualche piccola perla di saggezza politica pero’ è rimasta nell’aria, una di questa è stata : “nel dialogo non ci sono perdenti ma solo vincitori”.  Ed in effetti il BlueSeaLand è una grande occasione, tutta siciliana, per rinsaldare dialoghi ed intrecciare nuove relazioni.

Ed una bella sorpresa, speriamo positiva e proficua per il futuro, è stata la presenza di una numerosa  e rappresentativa delegazione libica arrivata sia dall’ambasciata di Roma che direttamente da Tripoli. Il numero uno è senz’altro Ridaa Dousan giunto direttamente da Tripoli e che dovrebbe iniziare a instaurare nuovi e proficui rapporti fra la marineria mazarese e il nuovo ministero della pesca libico. E potrebbe quindi essere arrivata finalmente l’ora di vedere la metà piena del bicchiere mezzo vuoto.

 L’Intervista ad Andrea Di Gregorio della cantina “Gazzerosse”.

La cantina, fondata da Antonino di Gregorio circa duecento anni fa, vede ormai i Di Gregorio della quarta generazione, quella del giovane Andrea, impegnati nella sua crescita. La nota cantina (http://www.gazzerosse.it ) si trova a circa 3 chilometri  da Mazara e, da sempre,  ha un programma industriale dinamico e moderno. Ricordiamo che il piccolo territorio di Mazara del Vallo è fra i più densamente coltivati a vigneto di tutta Italia, anche se molti dei suoi terreni sono da tempo di proprietà dei marsalesi. La storia del vino mazarese perse l’occasione di nascere all’inizio dell’800 quando, per motivi meramente religiosi, l’imprenditore inglese Woodhouse ed il suo assistente Hopps, non furono accolti dal comune di Mazara, in quanto anglicani, ma  invece a braccia aperte da quello di Marsala che delle beghe religiose e papaline non se ne curava affatto: preferiva le sterline.

E qui, investendo capitali inglesi e risorse umane siciliane, ecco che il “vino perpetuo” si trasforma e si modifica e crea ricchezza e fama a Marsala. Ricordiamo, per inciso, che una bottiglia di Woodhouse del 1815 ora come ora, all’asta, vale circa 80 euro e se se ne trovano ancora. Ma i mazaresi, espertissimi nell’uso del ronciglio, figli di una terra che già dai tempi dei Fenici e dei Greci era conosciuta per il suo vino e per l’olio ottenuto dalle olive importate dai greci, non hanno di certo abbandonato l’impresa. I “clan” del ronciglio mazarese restano, per secoli, gli ambiti esperti della potatura.

Gazzerosse : ma perché le gazze sono rosse ? La risposta è nella storia, molto particolare, di un piccolo appezzamento della proprietà dei Di Gregorio ove matura il Pignatello Rosso, (da uve di perticone nero) che le golose gazze amano assaggiare. Ovviamente becchettando e becchettando il perticone nero ecco che il loro manto bianco diventava rosso.. E da qui il nome di “Gazzerosse”.

Ma torniamo ad oggi. Andrea Di Gregorio – terzo della generazione – , come del resto tutta la famiglia, ha modernizzato la cantina, ha installato quanto di più tecnologicamente avanzato ora è disponibile, dai sistemi di filtraggio ceramici all’impianto di imbottigliamento in depressione atmosferica. Ed il prodotto di qualità che ne scaturisce è ben apprezzato e ben accolto dai mercati internazionali. Insomma, anche in questi tempi difficili, del bicchiere mezzo pieno , Andrea Di Gregorio vede, e sa apprezzare, proprio la sua parte piena. I vitigni degli oltre 56 ettari sono essenzialmente il Catarratto a bacca bianca ed il Grillo, entrambi decisamente rivalutati dai mercati e non quindi più soli vitigni idonei a produrre dei vini da taglio. Secondo il prof. Attilio Scienza (Università di Milano)  il futuro ideale sarebbe quello di vinificare due diversi cloni di grillo, quello capace di dare spina acida e quello che contribuisce con la struttura.

Ma “le bollicine” hanno sempre più mercato e quindi anche le Gazzerosse hanno una serie di nuovi prodotti in gestazione. Il prossimo anno, 2017, dovrebbe venire alla luce un passito di Zibibbo e poi, fra il 2020 ed il 2021 una serie di vini fermentati sia con il metodo Champenoise sia con il metodo Charmat. Ricordiamo che il metodo Champenoise avviene con la fermentazione in bottiglia, mentre il metodo Charmat (o Martinotti) avviene in autoclave prima dell’imbottigliamento. Il futuro delle Gazzerosse? Ben si può quindi dire “spumeggiante”. Le esportazioni sono in aumento, dalla Cina all’Inghilterra con un occhio magari agli Stati Uniti. Infine la cantina delle Gazzerosse ha una sua attività culturale di tutto rispetto. Nella sua sede, in grado di ospitare oltre 700 persone, si tengono concerti, manifestazioni culturali, incontri. Insomma un’attività sociale di pregio per Mazara sempre più spumeggiante.. e senza troppi timori per il futuro.

 Ed ecco i programmi di domani: degustazioni di venerdì 7 Ottobre.

Stand Mamma Africa, degustazione pietanze tipiche, piazza Mokarta, ore 18:30

Stand del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, -degustazione di pesce, ore 19:00

Approdo dei Saraceni, degustazione prodotti siciliani, vicolo Giattino, ore 19:00

Acque di Buxutu,  degustazioni e aperitivo, piazzetta Modica, ore 19:00

Stand dell’ Assessorato dell’Agricoltura, dello Sviluppo rurale e della Pesca Mediterranea – Regione Siciliana, degustazione prodotti tipici, ore 19:30

Stand GHANA,   degustazione piatti tipici, piazza Mokarta, ore 19:30

Stand Tunisia, degustazione piatti tipici, piazza Mokarta, ore 19:30

Degustazione prodotti tipici, via San Nicolò Regale,  piazza Bagno, ore 19:30

Sagre Pro Loco in Tour: degustazione prodotti tipici a cura della Associazione Turistica Pro Loco UNPLI Siracusa, piazza Immacolata, ore 20:00

Stand Marocco (Main Partner), degustazione piatti tipici, piazza Mokarta, ore 20:00

Stand Costa D’Avorio, degustazioni cioccolato, piazza Mokarta, ore 20:00

Stand Airone, Costa D’Avorio, degustazione tonno, piazza Mokarta, ore 20:30

Stand Senegal, degustazione pietanze senegalesi, piazza Mokarta, 0re 20:30

Degustazione “Pane Cunzato” (Guinness dei primati), via Giangiacomo Adria – Piazza Bagno,ore 21:00

Spettacoli di venerdì 7 ottobre.

Presentazione del libro “L’incredibile storia di don Turiddu u gazzusaru” di Salvatore Farina, Docente di Storia e Filosofia al Liceo Classico di Caltanissetta e presidente dell’Associazione Ducezio, Chiesa di Sant’Ignazio ore 10:30

Apertura Expo Ore 18:00, Mostra Internazionale di fotografia “Vision” a cura dell’Associazione Culturale “L’Arrotino e L’Ombrellaio”, Asilo Corridoni (Santo Vassallo) ore 18:00

Esposizione pittorica e varie performance degli artisti del gruppo “ARTEARTE”,  piazza S.Bartolomeo ore 18:00

Apertura Mostra del Dolce Siciliano a cura dell’Associazione “Ducezio”, una coinvolgente esposizione delle principali specialità dolciarie della nostra Isola in chiave antropologica. I visitatori potranno conoscere e apprezzare il significato rituale che si nasconde dietro ogni singolo dolce della tradizione siciliana, Sala Ottagonale   ore 18:00

Mostra fotografica “Oltre lo sguardo” a cura di Roberto Rubino, piazzetta Modica ore 18:00

“Basta poco per…il valore delle piccole cose”, canti a cura della Scuola Media Paolo Borsellino,  piazza Santa Veneranda   ore 18:00

“SUDanze” spettacolo itinerante di pizzica e tammuriata con Francesca Amato e Alfio Longo,  piazza San Michele   ore 18:15

Tiro a Segno Nazionale – Sezione di Mazara del Vallo, corso Umberto I ore 18:30

Mazara Scherma ASD, corso Umberto I ore 18:30

A.S.D. Fighter Taekwondo Sicilia, Villa Comunale ore 18:30

A.S.D. Seoul Taekwondo, Villa Comunale ore 18:30

Pallavolo Vigor Mazara, Villa Comunale ore 18:30

Capoeira Zumbì, arti marziali, Villa Comunale ore 18:30

Presentazione libro “Franca Florio e Vincenzo Florio due miti di Sicilia” di Vittorio Lo Jacono e Carmen Zanda. Introdurrà e modererà l’arch. Giacomo Fanale, Interverranno gli autori Carmen Zand su Franca Florio e Vittorio Lo Jacono su Vincenzo Florio. Chiesa di Sant’Ignazio ore 19:00

“Parata i popoli del mediterraneo”, coreografie Carola D’Angelo – regia Carla Favata, spettacolo a cura dell’Istituto Comprensivo “Boscarino-Castiglione” di Mazara del Vallo. Piazza San Michele  ore 19:00

“Acqua linfa di vita” spettacolo a cura della Scuola Media G. Grassa, piazza San Michele Ore 19:30

“Acque di Buxutu” esibizione gruppo musicale, piazzetta Modica Ore 19:30

“Il Cantastorie: Sicilia, mito da raccontare”, a cura dell’Associazione “Alchimie” e Scuola Media “G. Grassa” di Mazara del Vallo, piazza San Michele ore 19:45

Approdo dei Saraceni: esibizione del gruppo musicale “Aristocrasti” e a seguire Dj Flavio Lopez Vicolo Giattino ore 20:00

Ananseman Playhouse”, gruppo culturale Ghanese Tra i vicoli del centro storico Ore 20:00

“Balla e canta l’Arte” spettacolo a cura del Liceo Artistico di Mazara del Vallo, piazza San Michele  Ore 20:15

Concorso “Le Vele – Blue Sea Land 2015” per Istituti Scolastici.

Consegna attestati ai concorrenti della scorsa edizione e premiazione dei vincitori, piazza San Michele  Ore 20:30

“Notte Italiana”. Selezione musicale “Italia 70, 80, 90, 2000” con DJ Toni Tonè da Radio time, F. Mato Sciacca (percussioni) Piazza San Michele, Ore 22:00

“Marrobbio Wine Bar”: esibizione gruppo musicale “Iron Sky” (live band)

Una selezioni delle migliori canzoni degli ultimi anni e non solo da Paolo Nutini ad Amy Winehouse, dagli Arctic Monkeys a Damien Rice, riarrangiate a quattro mani con chitarre,piano, percussioni e voci da Vincent Hank e Valerio Panzavecchia,  piazza Ettore Ditta   Ore 23:00

Chiusura Expo Ore 24:0

Convegni – Incontri e Workshop di Venerdì 7 Ottobre.

09:30 Convegno Centro interculturale “M.Caruso” “Panorama del mediterraneo e del medioriente: che aria tira? diplomazie a conronto Modera: Giorgio Mulè Direttore di Panorama Introduzione: Hassan Abouyoub: Ambasciatore del Marocco in Italia (Main Partner)

 10:00 Blue Business Mazara del Vallo, Seminario Vescovile “Incontri BtoB a cura di ITA – IE, Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane

 15:30 Workshop (a cura del Coppem) Mazara del Vallo, Seminario Vescovile, Sala del Crocifsso “La diversità di genere che favorisce l’innovazione.  Green e Blue Economy: il ruolo delle donne”  Proiezione del video di presentazione del Coppem (Comitato permanente per il partenariato euromediterraneo) Introduce: Maria Cristina Stimolo Dirigente Generale del Dipartimento degli  Affari Extraregionali, Regione Siciliana

15:00 Blue Business  Mazara del Vallo “Incontri BtoB a cura di ITA – ICE,  Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane

16:00 Workshop Mazara del Vallo, Centro interculturale “M.Caruso “Eccedenze ed altrui sapori: l’intercultura come dispositivo antispreco” Introduce: Paola Scontrino Presidente del Centro di Intercultura di Mazara del Vallo

18:00 Flipped Class – Workshop Mazara del Vallo – Centro Interculturale “M. Caruso” “Il cibo fra risorsa e spreco” A cura di: Gli studenti del Liceo Adria-Ballatore.

18:30 Tavola Rotonda Mazara del Vallo – Seminario Vescovile, Sala del Crocifisso “Il ruolo delle donne nella logica del dialogo interculturale e della crescita blue” Introduce: Francesco Campagna Console Onorario del Ghana Modera: Roberto La Galla Consigliere di Amministrazione del CNR Link Internet – La Mappa dell’Expo.

http://www.bluesealand.eu/wp-content/uploads/2016/10/Mappa-Expo.jpg

Contatti con l’autore:  info@topbtw.com

 Giorgio Comerio

 

 


-- SCARICA IL PDF DI: Mazara del vallo, Crocetta assente al Blue Sea Land --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata