di Graziella Nicolosi

“Colpisci con il cuore”: è lo slogan del secondo Memorial Orazio Zaccà, ospitato lo scorso fine settimana nel poligono “Ing. Raffaele Mininni”, sede del Tiro a Segno di Catania.

interna 1Consistente la partecipazione di atleti che si sono sfidati per uno scopo benefico nelle varie discipline del tiro accademico e rapido sportivo, tiro operativo e tiro pratico: fra loro, oltre ai soci del locale poligono, anche molti esponenti delle Forze dell’ordine, donne, giovanissimi e atleti paraolimpici, accolti con grande affetto dagli organizzatori.

L’intero ricavato della manifestazione (1500 euro) è stato devoluto al coordinamento provinciale di Telethon per la lotta alle malattie genetiche.

L’unione fra sport e solidarietà ben identifica la figura di Orazio Zaccà, noto imprenditore catanese dalla forte carica umana, che si è distinto, oltre che per i successi commerciali, anche per le numerose attività solidaristiche. Lo ha ricordato, durante la premiazione, il figlio Francesco, che ha sottolineato l’importanza di “fare squadra” per costruire con tanti piccoli eventi benefici un progetto di lungo periodo.

A fare gli onori di casa è stato il presidente del Tiro a segno nazionale di Catania Carlo Rossitto che, dopo il saluto alle autorità civili e militari e la lettura delle missive augurali inviate dal Presidente della Corte d’Appello di Catania Alfio Scuto, dal Comandante Regionale Sicilia della Guardia di Finanza Ignazio Gibilaro, dal Comandante Provinciale di Catania dei Carabinieri Alessandro Casarsa e dal delegato provinciale di Catania del CONI Gennaro La Delfa, ha ringraziato i suoi più stretti collaboratori e la famiglia Zaccà, presente anche con la vedova signora Laura ed i figli Alfredo ed Emanuele.interna 2

Ha preso quindi la parola il sindaco di Catania Enzo Bianco, già intervenuto lo scorso anno per l’inaugurazione del primo settore del Tiro a segno intitolato a Zaccà. Bianco ha ricordato l’attenzione costante della città ai temi del volontariato. Gli ha fatto eco il coordinatore provinciale di Telethon Maurizio Gbiliaro, grato per “aver trovato nel Tiro a segno di Catania e nell’intera città una famiglia che si è messa subito a disposizione, facendo sì che il coordinamento provinciale etneo fosse il primo d’Italia per fondi raccolti, nonostante la crisi”.

Ha portato il suo saluto anche il Questore della provincia di Catania Salvatore Longo, il quale ha ribadito l’importanza di iniziative che legano lo sport alla solidarietà, utili allo sviluppo della legalità e alla formazione dei giovani.

interna 3Alla premiazione sono intervenuti anche il presidente del Consiglio Comunale di Catania Francesca Raciti e il presidente dell’Ordine dei Medici Massimo Buscema. Presenti diversi membri delle Forze dell’ordine e dei corpi militari: Esercito, Aeronautica militare, Corpo militare della Croce rossa italiana e Guardia di Finanza. Non sono mancate le delegazioni delle associazioni dei Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza (di cui Orazio Zaccà era socio benemerito) e i rappresentanti di associazioni di volontariato operanti nel settore della protezione civile, dell’assistenza sociale e della polizia privata.

 

 

In allegato, la classifica di gara completa.

CLASSIFICHE 2° MEMORIAL ORAZIO ZACCA’

 

A proposito dell'autore

È nata e cresciuta a Catania, ma il suo posto delle fragole è Roma. Ama: i quadri, i tulipani e i dolci, specie al pistacchio. Odia: i film dell’orrore, la gente maleducata e le istruzioni dei gadget tecnologici (qualcuno la aiuti a decifrarli, please!). Pensa sempre più del dovuto e riempie la gente di domande. Si annoia facilmente, tranne quando legge. Per questo, vorrebbe un mondo con più edicole e più librerie.

Post correlati

Scrivi