MESSINA – Celebrata nella città dello Stretto la festa del Santo Patrono dei giornalisti, San Francesco di Sales. L’annuale appuntamento – organizzato dalla sezione di Messina dell’UCSI (Unione Cattolica della Stampa Italiana) e dall’Assostampa messinese, unitamente alla testata giornalistica diocesana La Scintilla e all’Ufficio diocesano per le Comunicazioni sociali – si è tenuto lunedì 9 febbraio  nella Chiesa Annunziata dei Catalani.

I lavori sono iniziati con la relazione della giornalista Laura Simoncini, che ha ricordato storia, scopi sociali e attività dell’Ucsi nazionale e provinciale.

È seguito l’intervento di Rachele Gerace, componente Ucsi, che ha presentato il relatore Francesco Pira, sociologo, giornalista e docente di comunicazione presso l’Università di Messina e l’Università salesiana di Venezia (IUSVE). Pira ha raccontato l’evolversi della comunicazione nella Chiesa, a cominciare dal primo messaggio fatto da Papa Pio XI alla radio Vaticana il 12 febbraio del 1931, per giungere ai primi spot televisivi dedicati all’otto per mille, fino ad arrivare ai recentissimi tweet di Papa Francesco. La relazione si è occupata anche del messaggio del Santo Padre in occasione della Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali 2015.01 UCSI ME - PIRA E LO PRESTI

Al termine del suo intervento il docente ha ricevuto una targa-ricordo dalle mani di Crisostomo Lo Presti, presidente della Sezione Ucsi di Messina. Lo Presti ha letto un messaggio dedicato a tutto il team nazionale, regionale e provinciale, che in questi lunghi anni della sua presidenza lo ha supportato, con affetto e professionalità, ricordando i momenti più significativi del suo ritorno, dopo anni di lavoro in giornali di tutt’Italia, nella terra che gli ha dato i natali.

Sono seguiti i saluti del giornalista Peppino Gulletta, segretario dell’Assostampa di Messina, e del giornalista Carlo Parisi, segretario dell’Assostampa calabrese.

Monsignor Giò Tavilla, consulente ecclesiastico dell’UCSI di Messina, ha presieduto la celebrazione eucaristica, ricordando i tanti giornalisti caduti durante il loro lavoro, che spesso si svolge in aree di crisi. Al termine della celebrazione è stata letta dal presidente Lo Presti la preghiera del giornalista.

Presenti all’incontro diverse autorità civili e militari del messinese. Assenti invece, a causa dell’allerta meteo, gli studenti dei licei cittadini e di altri istituti della provincia, rappresentati da una delegazione dell’Istituto comprensivo di Furci Siculo.03 UCSI ME

Scrivi