MESSINA – Sulla paventata chiusura della Corte d’Appello di Messina, ormai più vicina in base ai nuovi criteri per la geografia giudiziaria stabiliti dalla commissione Vietti, interviene Antonio Matazzo, presidente della Fondazione socialista antimafia “Carmelo Battaglia”. Secondo Matasso, «la soppressione della Corte d’Appello determinerà anche la contestuale chiusura della Direzione Distrettuale Antimafia, rendendo Messina la sola Città Metropolitana sprovvista di questi fondamentali presidi di legalità. Poiché Messina è la terza città non capoluogo di regione più popolosa d’Italia e si trova in un territorio con una forte presenza della criminalità organizzata locale, ma al contempo al centro di interessi di Cosa nostra palermitana, Cosa nostra catanese e ’Ndràngheta calabrese, non si comprende il perché di questa improvvida determinazione. Visto che non celebrare più i processi di appello a Messina non comporterà alcun risparmio per l’amministrazione giudiziaria, spero che il governo nazionale voglia evitare che si faccia un simile favore alla mafia». L’ ’esponente socialista annuncia prossime iniziative in città per sensibilizzare cittadinanza ed istituzioni.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi