Messina – Spesso si parla del mondo Ultras con diffidenza e pregiudizio; invece, tante volte, questi ragazzi si prodigano in piccoli grandi gesti di umanità e solidarietà verso coloro che soffrono o non vivono un momento particolarmente felice della propria vita. Quasi sempre lo fanno nel silenzio, come giusto che sia, ma ogni tanto si può anche fare un’eccezione e risaltare gli aspetti positivi di un mondo che sale agli onori della cronaca solo quando occorrono altro tipo di vicende.

Accade così che i gruppi organizzati della Curva Sud di Messina si diano appuntamento di buon mattino, così come cantano all’inizio di ogni partita in uno dei più celebri cori che accompagnano l’A.C.R. da tantissimi anni, e vadano, anziché allo stadio, al Policlinico per consegnare delle uova e una TV al reparto di pediatria per augurare una serena (per quanto possibile) Pasqua ai bambini ricoverati.

Non è la prima volta e non sarà l’ultima perché, seppure senza farsi pubblicità, sono intervenuti molte volte, in passato, in aiuto anche delle piccole comunità della provincia per regalare un defibrillatore o altro che potesse tornare utile. Protagonisti, quindi, di gesti da lodare che testimoniano come, al giorno d’’oggi, le tifoserie non facciano parlare di sé solo per incidenti.

Antonio Ioppolo

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi