10agosto 2015

10agosto 2015--

Nunzio Di Stefano

Nunzio Di Stefano

Mirza Abesadze

Mirza Abesadze

Tornike Gogolidze

Tornike Gogolidze

Avrebbero racimolato un bel bottino stavolta. Una borsa stracolma di pezzi d’argenteria (centrotavola, vassoi, candelabri, portatovaglioli) era stata già messa da parte all’ingresso dell’appartamento pronta per esser portata via. Tutto il contante presente in casa, circa 1000 euro, era stato già razziato. Ogni stanza della casa di via La Farina era stata ispezionata e messa sottosopra. Mancava il pezzo grosso, la cassaforte. Non ce l’hanno fatta. La Polizia è arrivata prima. Quando gli agenti delle Volanti hanno fatto irruzione in casa, i tre ladri erano ancora in camera da letto, circondati da una nuvola di fumo, intenti a forzare la cassaforte con tanto di saldatrice inverter e morsetti collegati.
Sono il messinese 45enne Nunzio Di Stefano, sottoposto all’obbligo di presentazione; Mirza Abesadze di 38 anni nato in Georgia ed un suo connazionale Tornike Gogolidze di 37 anni, entrambi con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio e nello specifico per furto in appartamento con utilizzo di chiavi adulterine. I due georgiani sono, inoltre, entrambi destinatari di ordine di espulsione dal territorio nazionale.
Anche stavolta la telefonata al 113 di un cittadino ha permesso di sventare il colpo ed arrestare i responsabili nonché di recuperare tutta la refurtiva.
In piena notte, intorno alle 2:00, le Forze dell’Ordine sono arrivate allo stabile segnalato. Bloccate le vie di fuga hanno raggiunto l’appartamento preso di mira dai malviventi. Sin dal loro arrivo i militari hanno notato che “qualcosa” pendeva dalla ringhiera del balcone della casa interessata. Si trattava di un piccolo portachiavi con cerniera, contenente un set completo di chiavi adulterine e munito di calamita che permetteva all’oggetto di restare appeso all’inferriata. Altri oggetti sono stati recuperati e sequestrati: cacciaviti, guanti, coltelli, pinze, mascherine ed infine la saldatrice munita di elettrodi.
I tre malviventi, su disposizione dell’Autorità giudiziaria, sono stati trasferiti presso la locale Casa Circondariale mentre è in atto un’indagine per conoscere le loro responsabilità in ulteriori possibili colpi messi a segno in passato.
Proseguono, potenziati, i servizi di controllo del territorio della Polizia rivolti al contrasto del fenomeno dei furti in abitazione, statisticamente più frequenti in questo periodo dell’anno. La Questura di Messina invita i cittadini a continuare a collaborare segnalando eventuali condotte ritenute sospette.

A proposito dell'autore

Giornalista free lance - Educatore dell'infanzia

Comincia la sua carriera giornalistica scrivendo per il giornalino del liceo scientifico che frequenta. Entra a far parte della redazione catanese del Giornale di Sicilia, da cui non si è mai separato, nel 2005. Primo articolo ufficiale realizzato il 23 ottobre 2005 (a 19 anni ma il 31 ottobre sarebbero stati 20) per la gara di calcio di Prima categoria Calatabiano - Victoria 1-0. Dopo anni di studio e sacrifici ottiene la laurea in "Educatore dell'infanzia" nel 2013. Attualmente collabora anche con gds.it, con HercoleTv e con il mensile Il Cittadino Libero. Ama il cinema, i concerti, i viaggi e la buona musica. Ha visitato tutta la Sicilia, Malta, il Salento, Roma, Venezia, Milano, la Romagna, Firenze, Pisa, Lucca, Ascoli, Varese, Aosta, Caserta, Napoli, Perugia, Parigi, Barcellona, Basilea, Ginevra e Lugano. Lo sport in generale è la sua passione ma specialmente il calcio, la pallavolo, il basket e l'atletica leggera. Inoltre segue costantemente la cronaca nera, bianca e la politica.

Post correlati

Scrivi