PALERMO − “Già nel dicembre 2013 sollecitammo il presidente della Regione ad assumere forti iniziative per porre fine alla tragica commedia del Cara di Mineo, mentre si giocava, e si gioca, a minimizzare la portata di un fenomeno esplosivo”, dichiarano i deputati regionali Gino Ioppolo e Nello Musumeci.

“Proponemmo non solo la chiusura del CARA, situato in aperta campagna, che ospita oltre 3 mila persone, tutte condizioni che ne determinano la non facile gestione a tutela anche dei migranti che hanno diritto ad una permanenza dignitosa ed umana, ma anche l’istituzione di una Commissione territoriale straordinaria che riducesse il tempo di attesa per il riconoscimento dello status di rifugiato agli ospiti”, proseguono i deputati di Lista Musumeci.

“Addirittura, invitammo Crocetta a farsi nominare dal governo nazionale commissario straordinario affinché potesse gestire l’emergenza con poteri speciali e, invece, eccoci qui a dover far fronte a tragici avvenimenti”.

“Adesso, concludono i deputati regionali Gino Ioppolo e Nello Musumeci, non resta che chiedere al governo Renzi-Alfano, largamente fallimentare in ordine alle politiche migratorie, di nominare immediatamente un commissario in Sicilia, bypassando il non-governatore Crocetta, vista e considerata la sua totale indifferenza verso i problemi dei Siciliani, anche quelli più scottanti e che mettono a repentaglio la loro stessa vita”.

 

 

Scrivi