Salvo Pogliese (FI-PPE): “Passo importante che adotta quanto da noi richiesto. Ora accelerare ridistribuzione migranti già presenti in Europa”

BRUXELLES  – “La nuova politica dell’immigrazione, approvata dalla Commissione UE, è un primo passo importante per affrontare la drammatica emergenza dell’immigrazione. Essa adotta quanto da noi richiesto da tempo e insistentemente, ovvero un impegno concreto e collettivo dell’intera Unione che sancisce definitivamente il principio delle quote obbligatorie, e non più facoltative, per la redistribuzione dei migranti tra tutti i paesi europei.”.
Così l’on. Salvo Pogliese, parlamentare europeo di Forza Italia e membro della commissione LIBE (Libertà civili e Affari interni), commenta l’approvazione da parte della Commissione Ue dell’agenda per una nuova politica dell’immigrazione.
“Un passo importante ma esso deve essere solo il primo di un percorso che porti finalmente l’Unione Europea – continua l’europarlamentare – ad agire globalmente alla complessa sfida dell’immigrazione che non è solo un problema della Sicilia e dell’Italia come finora è stato affrontato. In tal senso occorre accelerare le procedure per la redistribuzione tra i paesi UE anche degli immigrati già sbarcati in Europa facendo una netta distinzione tra chi ha diritto di asilo, e quindi di essere accolto con la massima solidarietà, e chi non ha diritto che deve essere immediatamente espulso.”.
“E’ essenziale inoltre innalzare il livello di controllo sugli immigrati già sbarcati – conclude Pogliese – che attualmente non è sufficiente. Basti pensare che, solo quest’anno, dei 135 mila migranti approdati sulle coste italiane quasi la metà è riuscita a volatilizzarsi senza lasciare alcun segno: ne´ l’identità, ne´ le impronte digitali, ne´ la foto segnaletica.”.

Scrivi