CATANIA – Il Tribunale del lavoro ha condannato il Bingo Family di Misterbianco al reintegro di 6  dei 15 lavoratori licenziati nei mesi scorsi (la totalità di coloro che avevano fatto ricorso) con massima condanna di risarcimento danni più pagamento delle spese.

Lo comunica la Cgil di Catania, che per bocca del segretario generale della Camera del lavoro, Giacomo Rota e della segretaria generale della Filcams Cgil  di Catania, Margherita Patti esprimono “soddisfazione per l’esito della valutazione della giustizia e per avere condotto una battaglia giusta contro un ingiusto licenziamento. Siamo compiaciuti che in un contesto complesso come quello italiano, la magistratura riesca a garantire i diritti legati al lavoro e alle persone. Esprimiamo tutta la nostra soddisfazione ai lavoratori che hanno creduto al sindacato, ringraziamo gli avvocati Nuccio Li Volsi e Alessandra Barberini, i dirigenti sindacali che si sono scommessi in prima persona, dal segretario regionale della Filcams, Salvo Leonardi, a Claudio Longo nella sua veste di segretario confederale al tempo della vertenza, alla segretaria confederale e responsabile del Dipartimento Legalità, Pina Palella. Sulla vertenza Bingo Family di Misterbianco si sono espressi anche il segretario nazionale Nino Baseotto e la segretaria nazionale confederale Gianna Fracassi, che intervenne sul caso proprio in occasione della fermata del “Camper della legalità” di fronte alla sede del Bingo. Confermiamo la nostra grande solidarietà al sindacalista Massimo Malerba, ingiustamente querelato per avere riportato un dato veritiero, oggi confermato dalla sentenza; la denuncia a suo carico non è servita a chiudere la bocca al sindacato”.

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi