di Martina Strano

CATANIA – Dopo cinque anni di assenza, la Cantantessa catanese Carmen Consoli torna al Teatro Antico di Taormina, per una serata dedicata alla donna.

Accanto a lei, oltre alle ormai collaudate Luciana Luccini al basso e Fiamma Cardani alla batteria, anche le Malmaritate, gruppo musicale tutto al femminile, nato nel 2013 e da allora impegnato nella lotta contro il femminicidio, che ripercorrerà insieme alla Cantantessa parte del suo repertorio in una elettrizzante e contaminante commistione di suoni.

Una serata dedicata alle donne, non poteva non prevedere la partecipazione della grande stilista catanese Marella Ferrera. Un percorso fatto di abiti che sembrano fuoriuscire da un vecchio baule per vivere ancora. Sul palco undici donne “ingabbiate” da ragnatele di ricordi, con abiti ingialliti dal tempo, dalle esperienze vissute, sono le “Spose dimenticate” dell’Archivio Storico MF. Spose “sospese” ed eteree che si elevano verso il cielo, presenti ed assenti, “riportate” in terra dalle cromie: dal bianco della pietra di Noto al nero della pietra lavica dell’imponente Etna; una “palette” che passa dai Templi di Agrigento alle terracotte da scavo.

Abiti che raccontano la terra tanto amata dalla stilista. Pizzi macramé, intrecci di spago, il tutto enfatizzato dalle macro strutture di capelli dell’hair stylist Salvo Filetti e dal trucco segnato dal tempo del make up artist Maurizio Calcagno.

 

Martina Strano

A proposito dell'autore

La prima parola che ho insegnato a mia sorella che oggi ha 8 anni? Cardigan. Per me la moda è ispirazione, conoscenza, originalità e passione. Ed è di questo che amo scrivere. Amo raccontare senza alcun filtro ciò che vedo. Proprio come la Schiap, le due parole che non rientrano nel mio vocabolario sono Proibito e Impossibile. Ma sicuramente troverete spesso Louboutin e Chanel.

Post correlati

Scrivi