Moda, “Made in Prison”: moda, sostenibilità e sociale

di Martina Strano

PALERMO – Una nuova iniziativa sociale. Un progetto che si tinge di rosa e promuove il recupero delle detenute nel carcere di Catania. Questa è la nuova filosofia di vita dell’ex direttrice artistica accessori Ilaria Venturini Fendi che nel 2003 ha lasciato l’azienda di famiglia ed è ripartita da zero. Oggi, firma così la linea “Made in Prison” realizzata in collaborazione con SociallyMadeinItaly da un gruppo di giovani donne ospiti di istituti penitenziari.

Dopo il caso “Bagagli” (marchio siciliano di valigie e borse) che ha condotto al sequestro di una catena di negozi strappati alla mafia, nelle boutique palermitane Bagagli arriva Ilaria Venturini Fendi per esporre e vendere le borse confezionate dalle detenute delle carceri di Piazza Lanza a Catania, Bollate e San Vittore a Milano e Santa Maria Maggiore a Venezia. Un progetto che prende appunto il nome di “Made in Prison”, pezzo forte del marchio di design sostenibile «Carmina Campus», e che ha ricevuto il marchio Sigillo dal Ministero della Giustizia. Per il futuro sono previste nuove collaborazioni, come quella con la sezione femminile del carcere Pagliarelli di Palermo.

I prezzi delle creazioni vanno dai 90 ai 600 euro e con grande stupore delle detenute, alcune hanno raggiunto la fashion week di Pechino e il mercato giapponese.

Con scarti industriali e materiali imperfetti, moda e etica trovano così la possibilità di un nuovo riscatto: il riciclo incontra il sociale ed offre alle detenute la possibilità di imparare un mestiere, contribuendo al loro reinserimento nella società, evitando così che possano tornare a delinquere.

 

Martina Strano

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Martina Strano

La prima parola che ho insegnato a mia sorella che oggi ha 8 anni? Cardigan. Per me la moda è ispirazione, conoscenza, originalità e passione. Ed è di questo che amo scrivere. Amo raccontare senza alcun filtro ciò che vedo. Proprio come la Schiap, le due parole che non rientrano nel mio vocabolario sono Proibito e Impossibile. Ma sicuramente troverete spesso Louboutin e Chanel.

Post correlati

Scrivi