Moda, “Vernissage Moda, Premio Taormina Gold”

di Martina Strano

TAORMINA – Estate, moda e arte: ecco il connubio perfetto che anno dopo anno ritroviamo nella meravigliosa Taormina. Nella piazza del IX Aprile è stato presentato il “Vernissage Moda, Premio Taormina Gold”, organizzato e diretto dalla regina degli eventi Gianna Azzaro della G.A.R. Eventi.

La serata di domenica è stata introdotta dalla poesia di Alda Merini recitata da Franco Oppini catanese di adozione e dalla partenopea Patrizia Pellegrino.

Iskra Menarini, storica corista, ha poi ricordato Lucio Dalla con una suggestiva Caruso e successivamente Attenti a Lupo.

Nel corso della serata sono stati premiati: il fashion designer Claudio Greco che ha presentato le sue collezioni rievocando Taormina e L’Etna; lo stilista Carlo Alberto Terranova; l’imprenditrice Giovanna Mandarano, titolare del marchio A’Bbiddikkia che ha avuto la capacità di cogliere e estrapolare i colori naturali della nostra Sicilia e di metterli nei suoi abiti; il direttore creativo della prestigiosa maison Sarli; la giornalista e storica di moda Mara Parmegiani; l’attore comico e conduttore del mitico Drive In Gianfranco D’Angelo; l’attore di teatro e figlio d’arte Massimiliano Buzzanca che ha ritirato il premio alla carriera per il papà Lando che ha rappresentato le maschere e il carattere della sicilianità nel mondo; il Dr. Mirko Manola, chirurgo plastico; il Prof. Ernesto Falcidia, direttore responsabile della Casa di Cura di Ostetricia e Ginecologia e del “Centro Fertilità”; il Dr Domenico Ciancio, editore de “La Sicilia”, storico quotidiano siciliano che quest’anno ha compiuto settant’anni.

L’evento, oltre a vedere l’incontro e l’unione tra moda, arte, spettacolo, nasce anche con un preciso scopo benefico: la raccolta fondi per un centro per ragazzi autistici a Barcellona Pozzo di Gotto.

 

Martina Strano

A proposito dell'autore

La prima parola che ho insegnato a mia sorella che oggi ha 8 anni? Cardigan. Per me la moda è ispirazione, conoscenza, originalità e passione. Ed è di questo che amo scrivere. Amo raccontare senza alcun filtro ciò che vedo. Proprio come la Schiap, le due parole che non rientrano nel mio vocabolario sono Proibito e Impossibile. Ma sicuramente troverete spesso Louboutin e Chanel.

Post correlati

Scrivi