Moda, Verso la Muraglia Cinese su un carretto siciliano con Dolce & Gabbana

di Martina Strano

MILANO – Una collezione esotica, un incontro tra culture apparentemente così distanti, ma anche molto vicine. Il mondo orientale cinese incontra la Sicilia in un universo pop e colorato firmato Dolce & Gabbana.

Nella giornata di apertura della Milano Moda Uomo primavera/estate 2016, sfila l’esotismo siciliano di Dolce & Gabbana, in una collezione eccentrica che si traduce in una miriade di stampe colorate, arricchite da decori floreali o motivi geometrici. Colori che ricordano i carretti siciliani cari agli stilisti e decori che richiamano le laccature degli arredi orientali.

Un’ispirazione che nasce dalla Palazzina Cinese di Palermo, nota anche come Casina Cinese, un’antica dimora reale dei Borbone che sorge ai margini del Parco della Favorita, capolavoro rococò, rimasto chiuso per 24 anni e riaperto nel 2008. 102 uscite con un casting multietnico composto da modelli più robusti rispetto alla media hanno sfilato a ritmo di marcia sulla banda dei carabinieri.

Draghi, pagode e pavoni dialogano così con limoni, fiori d’arancio salendo sul carretto siciliano. Pantaloni stretti con fantasie optical, bermuda a righe, jeans strappati, giacche da camera con dragoni e tanti, tantissimi pavoni.

Su tutto domina la seta, leggerissima e fluttuante, come nei meravigliosi pantaloni pigiama con elastico in vita abbinati a morbide giacche.

Ai piedi, i modelli indossano tutti le espadrillas, ricamate, stampate e persino in pelliccia.

 

Martina Strano

Scrivi