L’esposizione della Raccolta Egizia del Civico Museo Archeologico propone al pubblico una selezione di circa 250 dei più di 2500 pezzi che compongono l’intera collezione.
l reperti esposti offrono significative testimonianze sulle usanze funerarie e sulla vita quotidiana dell’antico Egitto.
Di grande interesse è il “Libro dei morti”, o “Libro per uscire al giorno”, redatto per Hornefer, un papiro lungo circa sei metri, sul quale sono scritte, in caratteri ieratici (una delle tre scritture, con quella geroglifica e quella demotica, in uso nell’ antico Egitto), tutte le formule che veniva¬no pronunciate durante il funerale per agevolare il viaggio del defunto.
Ben conservati sono i sarcofagi in legno dipinto, tra i quali spicca la serie proveniente da Tebe, e la mummia di un uomo vissuto 650 anni prima di Cristo. Il sarcofago a cassa, in legno d’acacia, e il sarcofago antropomorfo sono decorati da figure di divinità e da iscrizioni geroglifiche con le invocazioni alle ore del giorno e della notte. Numerosi gli ushabty, le statuine che venivano poste nelle tomba perché potessero aiutare il defunto a svolgere i lavori agricoli nell’aldilà.

Le divinità sono rappresentate da diversi bronzetti: tra questi non mancano le statuette della dea Bastet, ritratta in sembianze di gatto, e del saggio lmhotep, il costruttore della prima piramide, divinizzato dopo la morte. Opere pregevoli dei laboratori di scultura egizi di età tolemaica sono i modelli in calcare che raffigurano il volto di un sovrano, di una donna e di un giovane della famiglia reale.
Tra i materiali recuperati durante gli scavi dell’Università di Milano diretti da Achille Vogliano è la statua in calcare bianco del faraone Amenemhat (XII dinastia, 1842-1797 a.c.), noto per i suoi lavori di bonifica e valorizzazione della regione del Fayum. Insieme ad essa furono portati alla luce anche il ritratto di un principe, la testa di una sfinge di epoca tolemaica e numerose altre sculture in calcare. Dagli scavi di Vogliano a Tebtynis provengono invece oggetti della vita quotidiana di epoca romana: pettini, giocattoli, fusi, chiavi.
L’esposizione presenta un percorso tematico che permette al visitatore di apprezzare la complessità della scrittura, della società e della vita religiosa dell’antico Egitto, accompagnandolo così nella scoperta tanto dell’orizzonte sacro quanto di quello profano degli antichi abitanti della Valle del Nilo.


Castello Sforzesco
Piazza Castello, 20121 Milano, aperto da martedì a domenica 9.00-17.30
Mezzi pubblici: Metropolitana M1 (Cadorna, Cairoli) M2 (Cadorna); Tram. 1,3,4,7,12,14,27; Autobus: 43, 50,57,58,61 e 94; Ferrovie Nord Cadorna

Il museo è accessibile ai disabili

Tariffe ingresso Castello Sforzesco (comprensive di tutte le raccolte museali permanenti)
BIGLIETTO INTERO                                     €    3,00
BIGLIETTO RIDOTTO                                  €    1,50
ABBONAMENTO ANNUALE                      €   15,00
ABBONAMENTO ANNUALE RIDOTTO    €     7,50

CATEGORIE DI VISITATORI CON BIGLIETTO  GRATUITO
1. cittadini fino al compimento dei 18 anni di età e comunque studenti della  Scuola superiore;
1. insegnanti accompagnatori di scolaresche;
2. guide turistiche e interpreti turistici accompagnatori di gruppi;

CATEGORIE DI VISITATORI CON BIGLIETTO  RIDOTTO
1. dipendenti dell’Amministrazione Comunale;
2. studenti universitari e di Accademie delle Belle Arti;
3. adulti oltre il 65° anno d’età.

BIGLIETTO CUMULATIVO CON VALIDITÀ DI 3 GIORNI PER LA VISITA A CASTELLO SFORZESCO, MUSEO ARCHEOLOGICO, MUSEO DI STORIA NATURALE, MUSEO DEL RISORGIMENTO
INTERO                                                           €   7,00
RIDOTTO                                                        €   3,50

BIGLIETTO CUMULATIVO CON VALIDITÀ MENSILE PER LA VISITA ALLE QUATTRO SEDI MUSEALI DI CUI SOPRA
INTERO                                                           €   8,00
RIDOTTO                                                        €   4,00

ABBONAMENTO ANNUALE PER LA VISITA  ALLE QUATTRO SEDI MUSEALI DI CUI SOPRA
INTERO                                                           €    25,00
RIDOTTO                                                        €   12,50

Nel pomeriggio del venerdì a partire dalle h. 14.00 ingresso libero.
Durante la settimana, nell’ultima ora dall’orario di apertura fino a mezz’ora prima della chiusura, sarà consentito l’ingresso libero. La decisione di non consentire l’ingresso nell’ultima mezz’ora è dovuta all’esigenza di garantire un ordinato deflusso da parte del pubblico.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi