Catania – “IN SERIES #2. Il multiplo d’artista – Attualità e prospettive di un genere” è una mostra di multipli e prototipi d’artista promossa e ordinata dall’Accademia di Belle Arti di Catania su concept e cura di Anna Guillot. Articolata in tre sezioni, la mostra include uno spaccato dell’Arte cinetica e programmata del Gruppo T degli anni ’60, un secondo nucleo relativo alle produzioni attuali di Maestri contemporanei, un terzo segmento costituito dai prototipi di neodiplomati dell’Accademia catanese e un incontro-convegno previsto nel corso dell’evento espositivo. La consulenza scientifica di Azalea Seratoni congiuntamente alla collaborazione del Museo Alessi, costituiscono il prezioso contributo per la sezione storica.

ph19

Un particolare spaccato dell’Arte cinetica e programmata del Gruppo T degli anni ’60, costituito da una selezione delle riedizioni dei multipli originali di Giovanni Anceschi, Davide Boriani, Gianni Colombo, Gabriele De Vecchi e Grazia Varisco, prodotta dall’azienda Alessi e proveniente dal Museo Alessi di Omegna, costituisce il nucleo centrale di pregio storico della rassegna IN SERIES #2, la seconda dedicata ai multipli d’artista promossa dall’Accademia di Belle Arti di Catania su progetto e coordinamento di Anna Guillot.

In sinergia con la parte storica, la mostra prevede una seconda sezione relativa alle produzioni attuali, ovvero ai multipli e ai prototipi di dieci artisti della generazione successiva alla Optical art e ricerche programmate. Per tale sezione, Rosario Antoci, Tiziano Campi, Sauro Cardinali, Mario Consiglio, Iginio De Luca, Vittorio Messina, Natale Platania, Silvano Tessarollo, Ampelio Zappalorto, Anna Guillot, hanno definito produzioni ad hoc in collaborazione con l’azienda La Giusa NEXT, impresa leader nel campo della ricerca e sperimentazione di tecnologie e materiali rivolti all’architettura d’interni e alla produzione artistica.

ph20Terzo gruppo di opere, anche queste in parte oggetto di verifica ai fini di una produzione seriale, è quello che riguarda alcuni studenti del biennio di Progettazione artistica per l’impresa, diplomanti e neodiplomati dell’Accademia catanese. Un aspetto non trascurabile della mostra riguarda la progettazione ad hoc della struttura espositiva a cura dello studio Omphalos fondato dall’architetto Maurizio Campo.

Al convegno del 19 ottobre interverranno nomi importanti come Giovanni Anceschi (un autore storico, fondatore del Gruppo T, a Milano negli anni ’60), Azalea Seratoni, storica dell’arte che ha attivato il rapporto del Gruppo con l’azienda Alessi, fino a determinare le riedizioni dei pezzi storici degli artisti dello stesso gruppo (Anceschi, Boriani, Colombo, Devecchi e Varisco), Anna Guillot che interverrà sull’altro contenuto della mostra relativo ai 10 artisti contemporanei (Antoci, Cardinali, Campi, Consiglio, De Luca, Guillot, Messina, Platania, Tessarollo e Zappalorto) e la sperimentazione attivata tramite la stessa con l’azienda La Giusa NEXT al fine di serializzare, attraverso l’uso delle più aggiornate tecnologie, i prototipi da loro realizzati appositamente per questa seconda edizione di IN SERIES. ( Photo a cura di Egidio Liggera)

 

Pina Mazzaglia

 


-- SCARICA IL PDF DI: Mostre: “IN SERIES #2”, l’Arte cinetica degli anni ’60 in mostra a Palazzo della Cultura --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata