di Graziella Nicolosi 

1CATANIA – Visita illustre sabato mattina al Castello Ursino per la mostra “Picasso e le sue passioni”. Ad ammirare le quasi 300 opere del genio spagnolo in esposizione è stata infatti il ministro per le Riforme costituzionali e per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, presente in città per partecipare ad un incontro politico organizzato dal deputato nazionale Giovanni Burtone.

La Boschi ha accolto l’invito dell’Assessore ai saperi e alla bellezza Orazio Licandro e dell’organizzatore della mostra Gianni Filippini, da cui ha ricevuto in omaggio il catalogo.

Ad accompagnare il ministro, oltre a Burtone e a Licandro, c’erano il tesoriere nazionale del Pd Francesco Bonifazi; il deputato toscano Marco Donati; l’assessore al Bilancio Giuseppe Girlando e quello alle Politiche Scolastiche Valentina Scialfa; l’esperto del sindaco Enzo Bianco per i rapporti istituzionali Francesco Marano e quello per il marketing territoriale Livio Gigliuto.

“Una mostra per quale vale la pena venire apposta a Catania nonostante la città abbia tantissime altre bellezze”, ha commentato la Boschi. “Qui c’è l’imbarazzo della scelta: non si sa se concentrarsi sulle opere di Picasso, che sono davvero bellissime, o sul contesto in cui essa è inserita. Il dialogo tra la mostra di Picasso e le bellezze che qui si trovano in maniera permanente e lo stesso Castello Ursino, sicuramente arricchisce ancora di più tutto l’insieme”.

3Al termine della visita il ministro ha fatto tappa al CUB-Castello Ursino Bookshop, la struttura appena inaugurata da Karma Communication e Officine Culturali, in raggruppamento temporaneo di impresa. L’assessore Orazio Licandro ha raccontato alla Boschi la scommessa dei soci di CUB per la promozione del turismo culturale in città, mentre i responsabili del bookshop le hanno regalato alcuni gadget appositamente realizzati per la promozione del Castello Ursino e delle sue collezioni: una mug con la sagoma del castello e le pin collezionabili in vendita presso il bookshop del museo.2

La mostra di Picasso, inaugurata lo scorso 4 aprile, rimarrà al Castello Ursino fino al 28 giugno. Organizzata dal Comune di Catania e da Comediarting & EXA Mondi Nuovi, a cura di Lola Duran e Stefano Cecchetto, è composta da vasi, piatti, brocche, mattonelle dipinte, due oli e l’autoritratto di Picasso “gouache”, realizzato cioé con la tecnica “guazzo”. Le opere provengono per la maggior parte da prestigiose raccolte private di tutto il mondo e dal museo di Mija di Malaga. Il percorso è inoltre arricchito dall’istallazione multimediale interattiva “Picasso in the cube (politic passion)”, che racconta il rapporto dell’artista con la politica e i riflessi che questa ebbe sulla sua arte.

 

Scrivi