CATANIA – “Il CGA respingendo, con un’ordinanza dai contorni molto netti, la richiesta di sospensiva avanzata dall’avvocatura dello stato sulla sentenza del TAR, conferma le ragioni giuridiche avanzate dal movimento No MUOS, contro un’installazione militare insostenibile non solo per la pace e l’ambiente ma anche per la civiltà giuridica del nostro paese”, lo dichiara Luca Cangemi, della direzione nazionale di Rifondazione comunista.
“Un enorme ringraziamento va ai legali che con passione competenza si sono messi a disposizione del movimento. Questa notizia ci spinge a raddoppiare le energie nella mobilitazione, sappiamo che la lotta non è finita, sappiamo che il governo riproporrà la sua posizione servile nei confronti delle oligarchie militari degli Stai Uniti ma siamo determinati a perseguire il completo smantellamento della base di Niscemi, come primo passo di un più complessivo impegno per rendere la Sicilia isola di pace e cooperazione”.

Scrivi