CALTAGIRONE – La Regione Siciliana sarà presente come responsabile civile nel processo a un suo dirigente e a sei imprenditori accusati di abusivismo edilizio e violazione della legge ambientale per la costruzione a Niscemi del Muos, il sistema di telecomunicazione militare Usa. A stabilirlo, il Tribunale monocratico di Caltagirone che ha accolto la richiesta del Comune di Niscemi. Il processo è stato aggiornato al 12 gennaio 2017. Tra gli imputati, l’ex dirigente dell’assessorato regionale Territorio e ambiente Giovanni Arnone, il presidente della “Gemmo Spa” Mauro Gemmo, e Adriana Parisi, responsabile della “Lageco”, società che han costituito l’Ati ‘Team Muos Niscemi’ vincitrice della gara del 26 aprile 2007; il direttore dei lavori Giuseppe Leonardi e i titolari di tre imprese che hanno lavorato in subappalto: Concetta Valenti della “Calcestruzzi Piazza Srl”, Carmelo Puglisi, della “Pb Costruzioni” e Maria Rita Condorelli, della “Cr Impianti srl”.


-- SCARICA IL PDF DI: Muos: la Regione Siciliana sarà citata per danni --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata