Improvviso blocco degli esperimenti che sarebbero serviti a testare la pericolosità delle radiazioni emesse dalle parabole della base Usa di Niscemi

NISCEMI – Dal 13 al 15 gennaio il collegio dei periti, in forza dell’autorizzazione del Ministero della Difesa, avrebbe dovuto effettuare le misurazioni dei campi elettromagnetici emessi dal Muos per verificarne la nocività alla salute (leggi qui).

A poche ore dall’attivazione delle parabole americane giunge a sorpresa lo stop del Prefetto di Caltanissetta, Maria Teresa Cucinotta. Lo rende noto il collegio dei periti che ha avuto l’incarico dal Consiglio di Giustizia Amministrativa di redigere una relazione tecnica sulla valutazione dei rischi.

I motivi dello stop imposto dal prefetto nisseno sono ancora ignoti.

Il Cga aveva concesso ai periti solo 40 giorni rispetto ai 90 richiesti dai tecnici per consegnare le loro conclusioni. Entro il 26 gennaio il comitato deve consegnare la relazione definitiva. Data che, alla luce di questo stop, avrà sicuramente una proroga.

L’attivazione del sistema di comunicazioni satellitari della Marina militare statunitense aveva messo in agitazione i No Muos, i quali avevano lanciato una petizione online (che trovate qui).

L’appartenenza di tre dei cinque periti nominati ai ministeri dell’Ambiente, Salute e Trasporti, ha sollevato un vespaio di polemiche a causa della loro presunta incompatibilità, giacché una delle parti in causa è il ministero della Difesa.

Vincenzo Adalberto

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi