Per Matrioska c’è Dente, unica data siciliana per presentare il nuovo disco “Almanacco del giorno prima”. A seguire dj set di Massimo Napoli, Salvo Borrelli Fonkarelli, Don Baki, Antonio Vetrano, Renato/G.lo, Erre Mancini, Paolo Mei. Catania, Ma – Musica Arte, sabato 20 dicembre 2014, dalle h. 22

Dente, il nuovo fenomeno del panorama cantautorale italiano, artista non più emergente della musica indipendente, arriva a Catania e sabato 20 dicembre esibisce il suo talento al Ma Musica Arte, il club di via Vela (unica data siciliana), all’interno del nuovo contenitore musicale Matrioska. Torna per il secondo appuntamento Matrioska, il contenitore musicale mensile di BoogieCrew (realizzato in collaborazione con RadioLab, Graffiti, VintageCafè, Nightlab Sr), che propone un prodotto ibrido e innovativo, basato sul mashup di suoni pop, soul, rock ed elettronici. Matrioska punta su una costante ricerca della migliore sperimentazione esistente, facendo interagire le esperienze più interessanti della scena live nazionale e internazionale, con i dj set più raffinati, garantiti dai migliori selector del panorama musicale della città.
La serata comincia in teatro con il live, organizzato in collaborazione con Rocketta, di Dente, un artista fuori dal coro, che ha fatto dell’umiltà e del “restare quello che si è” le sue armi vincenti. Dopo si balla, nell’area club con i dj’s Massimo Napoli, Salvo Borrelli Fonkarelli, Don Baki, videomapping di VjKar. Nell’area Graffiti station si alterneranno i dj’s Antonio Vetrano e Renato/G.lo. In Birreria le selezioni sono di Erre Mancini e Paolo Mei.
Dente. Cantautore nel senso classico del termine, costruisce tutte le sue canzoni su accordi di chitarra classica e scrive testi autobiografici. Una conferma per la musica italiana, che si sta facendo avanti sempre di più. Giuseppe Peveri, 38enne parmigiano di Fidenza, deve il suo nome d’arte al soprannome datogli da suo zio quando aveva tredici anni. Ha iniziato la sua carriera come chitarrista, poi nel 2006 decide di intraprendere una carriera da solista, esordendo con il disco “Anice in bocca”. A questo primo lavoro seguono “Non c’è due senza te” del 2007, “L’amore non è bello” del 2009, vincitore del Premio Italiano della Musica Indipendente per il miglior album, “Io tra di noi” del 2011 e “Almanacco del giorno prima” uscito nello scorso gennaio.
“Almanacco del giorno prima” contiene dodici brani inediti scritti (nella maggior parte dei casi – “Meglio degli dei”, ad esempio, è del 2005) tra l’ottobre del 2011 e i primi mesi del 2013, alle cui registrazioni hanno partecipato anche alcuni colleghi e amici come Enrico Gabrielli (membro dei Mariposa, ha curato la trascrizione e la direzione di fiati ed archi) e Rodrigo D’Erasmo (Afterhours, violino in “Invece tu” e “Meglio degli dei”). “Almanacco del giorno prima” è un disco naif, dalle atmosfere vintage e retrò, dagli arrangiamenti ricercati; per questa sua quinta prova discografica il cantautore fidentino pare essersi ispirato ad alcuni nomi di punta del cantautorato italiano degli anni ’70 (Dalla, De Gregori, Bindi) ma i confini tra citazioni e la sua personalità autoriale soggettivo sono meno netti; il disco, in altre parole, è ancora più citazionista, e le citazioni sono metabolizzate fino a far parte del suo Dna.

Ingresso: € 10,00 in prevendita (Boxol, Ct Box), € 13,00 al botteghino

Scrivi