di Elisa Guccione

CATANIA – “Questo nuovo cd mi rappresenta totalmente. Sono fiero del risultato”. Descrive così Renzo Arbore, icona della canzone italiana nel mondo, la sua ultima fatica discografica, “ … E pensare che dovevo fare il dentista … – Renzo Arbore and friends”, durante il nostro incontro negli studi di RadioTelecolor. “Ogni volta che ritorno in Sicilia mi sento a casa”. Lo incontriamo subito dopo la diretta radiofonica di Roberta Lunghi, cercando di conoscere ed approfondire le scelte professionali ed umane che hanno costellato la sua carriera.

ph: Vincenzo Musumeci

ph: Vincenzo Musumeci

– “E pensare che dovevo fare il dentista”, frutto di ricerca di materiale raro ed esclusivo, racconta anche come Renzo Arbore abbandoni un destino già tracciato e decida di seguire la musica

(ride)

“Mio padre era un dentista e mi ripeteva sempre: “la vuoi finire di andare appresso alla musica?!”. Ho dedicato un tour a questa frase, ma seguendo la musica e non “le estrazioni o le pinze” di papà ho avuto la possibilità di percorrere delle tappe che non avrei mai immaginato di fare nella vita. La musica è stata la base della mia crescita. Quando è stato fatto l’elenco delle straordinarie esibizioni eseguite nei luoghi più importanti e belli al mondo non potevo scegliere un titolo migliore per descrivere cos’ho fatto. Non sono un tipo che si autocompiace e ho pensato immediatamente a mio padre e alle sue raccomandazioni”.

– Ci sono, però, anche degli inediti …

“Certo. Ci sono duetti con Renato Carosone, Lucio Dalla, Rossana Casale ma anche delle canzoni tratte da delle esibizioni particolari come “Nessun dorma”. Tutte le mie influenze musicali sono racchiuse in questo lavoro”.

Ph: Vincenzo Musumeci

Ph: Vincenzo Musumeci

– C’è una splendida versione di “ ’O Sole Mio” cantata con Ray Charles al Madison Square Garden di New York. Cosa ricorda di quel momento?

“Ray Charles è stato ed è il mio idolo. Ho provato una soddisfazione immensa nell’accompagnarlo nella canzone, non solo italiana, più famosa nel mondo. In questa versione con i mandolini diventa una vera e propria canzone d’amore. Ogni volta che la riascolto e penso a quel momento è difficile non commuovermi”.

– Venticinque anni fa con l’Orchestra Italiana recupera il melodico suono dei mandolini ricevendo però anche numerose critiche …

“Il suono del mandolino è stato criminalizzato. Non si capisce che la sua struggente melodia riesca a creare un’emozione magica al punto da spaccare il cuore, mentre nei pezzi allegri è squillante ed allegro come milioni di campanelli nei giorni di festa”.

– Renzo Arbore e la televisione. Nella speranza di rivederla di nuovo in tv la rete è diventata il luogo dove poterla ammirare grazie al canale RenzoArbore channel.tv

(ride)

“Tanti ed importanti artisti hanno partecipato a questo programma è un modo speciale per stare insieme e fare musica col cuore”.

Ph: Vincenzo Musumeci

Ph: Vincenzo Musumeci

– Come si fa ad arrivare al cuore della gente?

“Ci sono alcuni cantanti che, nonostante siano bravi e preparati, si preoccupano dell’esecuzione senza vivere la sensazione del momento. È fondamentale pensare alle parole che si stanno dicendo e dare libero sfogo ai sentimenti. Ai miei musicisti dico sempre di farsi trascinare da ciò che stanno suonando o cantando in modo da creare un legame particolare con il pubblico”.

– È stato tante volte in Sicilia. Qual è il ricordo più bello o divertente legato alla nostra terra?

“La Sicilia mi ha sempre accolto  generosamente e durante i miei concerti in giro per l’Italia mostro un cartello che ho trafugato al Teatro Bellini con scritto: “Renzo Arbore è Esaurito. Si prega di non insistere”. (ride)

– Il 2015 segna un traguardo importante per la sua carriera. Come festeggerà le nozze d’oro con la musica?

“Ancora è tutto da definire. Non voglio fare una classica festa. Sto scrivendo un libro che parlerà della mia vita ed inoltre verranno pubblicati alcuni pezzi dei miei programmi ed altri dove ho partecipato come ospite. Si creerà, almeno spero, qualcosa di particolare e importante”.

Elisa Guccione

Foto servizio: Vincenzo Musumeci

 

A proposito dell'autore

Passionale, grintosa ed innamorata del suo lavoro. Abbandona la carriera giuridica per realizzare il suo sogno: scrivere. Testarda e volitiva crede nella forza trascinatrice dei propri sogni e combatte per realizzarli. Sempre pronta con il suo inseparabile registratore a realizzare un’intervista. Si occupa di Teatro e Comunicazione da anni. Non ha paura delle sfide, anzi, la stimolano ad andare avanti.

Post correlati

Scrivi