Catania. La donna. Meravigliosa creatura. Esteticamente sublime nella sua imperitura femminilità. Concettualmente auspicabili verità. Realisticamente purtroppo, prescindendo dallo scorrere del tempo, molte donne devono far i conti con nemici difficili da fronteggiare che oltre a segnarle nell’anima spesso le segnano anche fisicamente. Parliamo delle donne che a causa del cancro o di malattia come l’alopecia hanno perso i capelli e di conseguenza si sentono derubate della loro identità. E’ per loro, che Renata Caldara si è messa in gioco, dando vita ad un ambizioso progetto di supporto mirato al sostegno estetico e psicologico di queste donne. E’ così che nasce l’Associazione Reneè Soutien, dal desiderio di una grande donna. Dalla volontà di poter fornire un aiuto concreto, attraverso l’erogazione di un servizio che possa facilitare il reperimento di una soluzione per tutte coloro che hanno perso i capelli a seguito di una patologia. Perchè se la malattia svilisce, lo stravolgimento dell’immagine riflessa nello specchio non semplificano il ritorno alla serenità. E’ per questo che si rende necessario far qualcosa per queste donne. Ed è questo l’obiettivo di Renata.

“Ho creato questa associazione per fornire assistenza gratuita a chi ha subito un trauma a livello anche estetico. E’ importante capire che i capelli sono sicuramente parte di noi ma “noi” non siamo i nostri capelli. Quindi questo è un problema che si può affrontare e superare- spiega Renata Caldara, founder e anima del progetto- Il focus dell’associazione è riuscire a fornire protesi, impanti capillari naturali e sintetici e i relativi prodotti per la loro manutenzione di altissima qualità, con prezzi ridotti riservati alle associate previa presentazione di certificazione medica e di attestazione della malattia, coadiuvando questa azione pratica con numerose attività di supporto psicofisico organizzate e seguite da operatori abilitati e referenziati del settore.”

E’ lodevole l’iniziativa della giovane catanese, perchè se la malattia spaventa, la vita ci dimostra che c’è sempre una mano pronta a sollevarti da terra. L’associazione di Renata offre quindi una guida pratica al ritrovamento di quella serenità psicofisica perduta, ma lo fa anche attraverso attività collaterali che danno sollievo anche allo spirito. Dalle escursioni di gruppo con guide naturalistiche, alle lezioni di yoga e pilates, fino ai momenti di condivisioni sviluppati attraverso pranzi o cene organizzate. L’associazione Reneè Soutien è un piccolo mondo che sembra aver il sapore dei biscotti della nonna, rassicuranti e dolci come la carezza di una mamma…

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi