Nastri d’argento, nel backstage con Modhair partner Art Hair Studios per Wella

di Martina Strano

TAORMINA – Lo scorso 27 giugno, noi di Sicilia Journal abbiamo avuto il piacere e l’onore di seguire l’emozionante lavoro di backstage durante l’evento “Nastri d’argento’ in compagnia di Modhair di Catania, partner Art Hair Studios per Wella.

Il palcoscenico del Teatro Antico di Taormina ha ospitato la serata di premiazione dei Nastri d’Argento 2015, evento di fine stagione attesissimo nel mondo del cinema, nonostante le immense difficoltà riscontrate quest’anno. Per il terzo anno consecutivo, Modhair ha firmato lo styling di alcuni dei protagonisti della manifestazione, curando l’hairstyle e il make-up, per un total look da vere star.

Simona Tabasco, Valentina Corti, Serena Autieri, Laura Nobile, Greta Scarano, Federica Lucisano, Margherita Buy, Ippolita Di Majo hanno potuto contare sull’esperienza, la competenza, la passione e la creatività del gruppo Modhair: un servizio di beauty&grooming altamente qualificato che ha lasciato il segno interpretando al meglio il mood della magnifica serata.

Art Hair Studios, partner di Wella, nasce nel 1976, come associazione di acconciatori. Oggi il gruppo è composto da circa 70 fra le firme più prestigiose del mondo dell’hair style italiano. L’intento è quello di interpretare i desideri di chi di volta in volta pettinano, proponendo nuovi modi di vedersi e di interpretare la propria personalità. Da sempre il gruppo coltiva una particolare sintonia con il mondo del cinema.

Antonio Cristaldi, proprietario del salone Modhair e presidente di Art Hair Studios, nonché affezionato lettore di Sicilia Journal: «Partecipare a questa serata celebrativa è stato un momento unico e importante: un’esperienza di grande valore per la nostra professione, che sottolinea ancora una volta lo stretto legame esistente tra il mondo del cinema e il mondo della bellezza, in particolare con Art Hair Studios. Il mio gruppo di Modhair ancora una volta si è dimostrato all’altezza della situazione e non ha disatteso le mie aspettative. Sono orgoglioso del mio gruppo, della loro professionalità, del loro lavoro, dei loro risultati.»

Anna, moglie di Antonio Cristaldi, sua spalla destra, forse anche sinistra, da quasi 30 anni: «Per il terzo anno posso dire di aver vissuto una fantastica esperienza. Si tratta di un contesto differente che ti permette di uscire fuori dalla routine, dal lavoro giornaliero in salone. Abbiamo realizzato delle pettinature semplici ma molto sofisticate. È sempre complicato cercare di riuscire a interpretare i desideri delle stelle del cinema, ma devo dire che il risultato è stato molto soddisfacente. In fin dei conti tutto il lavoro, tutto il sacrificio non sono nulla di fronte allo sguardo compiaciuto di chi hai pettinato.»

Elisabetta Marchesini, responsabile eventi Eleven Marketing&Entertainment per Art Hair Studios: «É un lavoro altamente stimolante. Una kermesse del genere, di una tale importanza, porta il brand a confrontarsi con una grande realtà, con un importantissimo mondo, quello del cinema. Abbiamo dato il meglio ed il lavoro è stato molto apprezzato.»

Durante la serata il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici ha assegnato il premio Wella – Nastri d’Argento premiando così l’interpretazione più originale dell’anno, il look, la grinta e la capacità di dare quel tocco personalissimo che unisce talento e verve a uno stile unico e identificativo.

Marco Vurro, Wella, divisione professionale di Procter & Gamble. «I Nastri d’Argento sono un appuntamento ormai classico e irrinunciabile per Wella, che da sempre celebra l’esaltazione della bellezza dei protagonisti del cinema italiano. La lunga esperienza del nostro brand nei più importanti backstage della moda, del cinema e dello spettacolo si sposa perfettamente con questo storico premio che ogni anno fa emergere la personalità e la bravura dei suoi protagonisti nel segno della bellezza come valore artistico ed estetico».

 

Martina Strano

A proposito dell'autore

La prima parola che ho insegnato a mia sorella che oggi ha 8 anni? Cardigan. Per me la moda è ispirazione, conoscenza, originalità e passione. Ed è di questo che amo scrivere. Amo raccontare senza alcun filtro ciò che vedo. Proprio come la Schiap, le due parole che non rientrano nel mio vocabolario sono Proibito e Impossibile. Ma sicuramente troverete spesso Louboutin e Chanel.

Post correlati

Scrivi