Prima domenica di marzo, una splendida e soleggiata giornata. A seguito del fattivo protocollo d’intesa stipulato tra il Parco dei Nebrodi e Federescursionismo Sicilia (FES), è stata organizzata una ciaspolata didattico escursionistica per gli allievi del 2° corso di guida naturalistica Sicilia Orientale, con il coinvolgimento e la partecipazione di alcuni ospiti.

Da Portella Miraglia al Lago Maulazzo, un percorso di media-bassa difficoltà, il primo tratto (circa un chilometro) fino a Portella Calacudera il gruppo di corsisti esplora in solitaria le magnificenze paesaggistiche, dall’Etna al tratto di costa tirrenica. Al bivio direzione Monte Soro-Maulazzo-Biviere …, le guide naturalistiche di FES Fabio Trombino, Rosario Pecorella ed il tutor Carmelo Nicoloso introducono il gruppo all’escursione attraverso il Bosco Sollazzo di Verde, in direzione del Lago Maulazzo, un percorso di circa quattro chilometri (sola andata).

Durante l’escursione, le aspiranti guide naturalistiche oltre ad apprezzare lo splendido paesaggio innevato, seguono con attenzione gli aspetti naturalistici che caratterizzano l’ecosistema forestale, cercando tra la soffice neve qualche impronta di fauna selvatica o possibilmente di qualche suino nero dei Nebrodi, quindi osservare al pascolo qualche cavallo sanfratellano. Eccolo, il lago Maulazzo, completamente ghiacciato, tra la faggeta ora spoglia e imbiancata (generalmente rigogliosa e verde), solo l’agrifoglio mantiene la sua bellissima colorazione che lo fa risaltare. L’invaso artificiale del Maulazzo appare come una grande pista di pattinaggio, approfittarne solo per scattare qualche foto, ricordando le insidie che possa riservare l’eventuale attraversamento; il cielo si è appena coperto, è ora di ritornare.

Grazie alla disponibilità dell’Ente Parco dei Nebrodi e dell’amministrazione comunale di Cesarò, nel pomeriggio il gruppo fa sosta a Palazzo Zito, ad accoglierli l’assessore Antonio Saraniti insieme ai rappresentanti dell’Associazione Holiday; le aspiranti guide naturalistiche completano gli argomenti didattici, attraverso il role playng, simulando un’escursione nell’area dei Nebrodi, con ospiti-visitatori-turisti al seguito, con la finalità di evincere i punti di forza e gli aspetti da migliorare.

Un’escursione alla portata di tutti, un’opportunità che accomuna gli abituali frequentatori degli ambienti innevati, in particolare gli sciatori, quindi i tanti appassionati, che ricercano salubrità e tranquillità, sicuramente ciò che offrono i Nebrodi in tutte le stagioni, scenari unici straordinariamente suggestivi.

Scrivi