Un viaggio nelle diverse fasi dell’amore attraverso poesia, teatro e musica. Questo l’intento di “Nell’amorosa quiete delle tue braccia”, lo spettacolo musical-teatrale di Giorgio Romeo e Anna Aiello che andrà in scena  domenica 10 a Catania alla “Chiesa di San Francesco”, in via Pietro Verri 10 (zona Cibali) alle ore 21.

Anna Aiello (colore)A fare da cornice, durante la serata, i celebri “Frammenti di un discorso amoroso” del pensatore e semiologo francese Roland Barthes, che guideranno lo spettatore nelle mille sfaccettature dei sentimenti. «Parole come “abbraccio”, “cuore”, “incontro”, “notte” – spiegano Aiello e Romeo – sono state approfondite da Barthes mediante una selezione di estratti da autori come Platone, Goethe, Stendhal. Allo stesso modo la nostra intenzione sarà creare una sorta di almanacco delle regole amorose attraverso la musica e le parole, sia nostre sia degli artisti che più ci hanno influenzato».  In scaletta troveremo le canzoni di Giorgio Romeo – come “Non rido più” e “31 Settembre” – ma anche quelle scritte a quattro mani con Anna Aiello: “Sogno di Neve”, “Sarà di Marzo” e “Olio su tela” (quest’ultima una “lettura” musicale di un quadro di Renoir). Immancabili poi le “cover” di grandi cantautori come De André e Paolo Conte. Altresì variegato l’universo letterario proposto dai due, che s’impernierà – oltre che su celebri poesie – sui componimenti letterari di Anna Aiello.

Giorgio Romeo ha all’attivo un album da solista, diversi premi in concorsi nazionali e un buon consenso di pubblico e critica. Anna Aiello si è formata alla scuola di regia di Guglielmo Ferro, perfezionata presso la “Verona Opera Academy – Fondazione Arena di Verona” ed è oggi considerata una delle nuove promesse del teatro siciliano. Assieme, dal 2007, hanno realizzato spettacoli presentati nei teatri dell’isola e svariate canzoni. «L’idea di fondo di questa serata – spiega Romeo – è quella di proporre un concentrato della nostra collaborazione artistica. In scena ci sarà solo l’essenziale: il pianoforte e le nostre voci, quanto basta per creare un’atmosfera davvero unica».

Scrivi