CATANIA – “Una grande festa alla quale danno il proprio contributo tante forze culturali di una Catania che rinasce”.
Così il sindaco di Catania Enzo Bianco ha definito le iniziative nate attorno alla “Notte dei Musei” di domani, nel corso di un incontro con i giornalisti al quale erano presenti l’assessore alla Cultura e al Turismo Orazio Licandro, i direttori dell’Accademia di Belle Arti e dell’Iban Cnr di Catania, Virgilio Piccari e Daniele Malfitano, il presidente della Consulta giovanile Pierangelo Spadaro e il consulente per il marketing del Sindaco Livio Gigliuto.
Il Sindaco e l’Assessore hanno cominciato ricordando come, domenica primo marzo, nel Castello Ursino sia stato registrato un boom di visitatori, oltre 1.500 presenze in un solo giorno, con un incasso di quasi otto mila euro.
“Siamo certi – ha detto Licandro – che i tantissimi appuntamenti di domani rappresenteranno un’altra occasione di valorizzare il nostro patrimonio culturale anche in maniera innovativa, come avverrà nella Biblioteca Ursino-Recupero con le visite curate da Officine culturali e dal Cnr che illustreranno due cantieri: quello che riguarda il restauro della Sala Vaccarini e quello che riguarda la digitalizzazione del patrimonio librario più antico e importante conservato a Catania”.
L’Assessore ha poi illustrato il fitto programma della “Notte dei musei” catanese: il 14 Marzo i musei civici e siti monumentali saranno aperti dalle 19 fino a mezzanotte e sarà possibile visitare gratuitamente saranno le Terme Achilleane di piazza Duomo, il Palazzo della Cultura di via Vittorio Emanuele 121, l’Archivio Storico Comunale (con la mostra “La guerra dopo la guerra”, esposizione  di lettere dei prigionieri, manifesti e cimeli degli anni 1943- 1945) e la Biblioteca Ursino Recupero.
Sempre nello stesso orario saranno aperti il Castello Ursino (con le mostre “Artisti di Sicilia” – che a grande richiesta è stata prorogata di una settimana – e “Diva Agata” di Antonio Santacroce alla tariffa ridotta di tre euro con la possibilità di visitare anche tutto il museo) e i musei Belliniano e Emilio Greco di piazza San Francesco, in cui si pagherà un ingresso a tariffa ridotta (un euro). Alle 20 nel Museo Belliniano saranno letti alcuni brani tratti dall’epistolario di Vincenzo Bellini interpretati dall’attrice Ornella Giusto accompagnata da un duo di chitarra e flauto dell’Istituto Musicale Vincenzo Bellini. Nel Museo Emilio Greco si potrà invece visitare la mostra “Viaggio tra le vie dell’arte”.
Aperta al pubblico anche la Chiesa monumentale di San Nicolò l’Arena di piazza Dante, dove alle 20,30 avrà luogo un concerto di beneficienza, a pagamento, a cura dell’Associazione Soccorso e Fratellanza con organo e voci e, dalle 12 alle 17, si svolgeranno ogni 30 minuti visite guidate lungo i camminamenti di gronda a cura dell’associazione “Officine Culturali” (per info e prenotazioni 0957102767 –  3349242464). Agli stessi numeri ci si potrà rivolgere per le visite guidate gratuite alla Biblioteca Ursino Recupero previste ogni 20 minuti tra le 19 e le 21,40 (ultimo tour). I partecipanti potranno ammirare gli spazi della biblioteca e di conoscerne la storia ma anche di entrare nel cantiere di restauro della sala Vaccarini e alla sala in cui si svolge il lavoro di digitalizzazione del patrimonio storico librario realizzato dall’Ibam Cnr, partner dell’iniziativa.
Nella piazza Federico di Svevia, dalle 19, animazione di strada a cura della scuola popolare di samba “Sambazita” e “Video mapping”, esibizione artisti di strada a cura della Associazione Gammazita.Nelle piazze Duomo e Università – dove ci sarà anche l’Autobooks –  e in via Etnea a partire dalle 19 si potrà assistere, a cura del “Collettivo di ricerca e sperimentazione artistica”, “Subitaneaque”, spettacolo a canovaccio con improvvisazioni seguendo le tracce date dal pubblico, esibizioni giocoleresche, circensi e di fuoco e mostra a sfondo pittorico-fotografico.
Nel Palazzo della Cultura alle 19 ci sarà un concerto gratuito di un  Quintetto d’Archi dell’Istituto Musicale Vincenzo Bellini formato da Dario Militano e Niccolò Randazzo (violini), Marco Scandurra e Salvatore Randazzo (viole), Salvatore Mammoliti (violoncello) e Carmelo La Manna (contrabbasso). Alle 20 si svolgerà la “Passeggiata culturale” a cura del prof. Dario Stazzone alla scoperta  della città storica-artistica e che toccherà il  Palazzo degli Elefanti,  la via Crociferi, la Biblioteca Ursino Recupero. Nel Palazzo Platamone ci sarà inoltre un’apertura straordinaria dell’Area Libero Scambio Libri  dalle 19  alle 22 e saranno aperte le mostre “Artisti di Sicilia – Nuovi Talenti” e “Gente di Agata” di Alessandro Romeo, a cura di Dora Marchese e Aurelia Nicolosi, che sarà inaugurata alle 21.

Scrivi