Salinelle – All’alba di oggi, alle 3.45, i vulcanetti sono tornati in attività. La fuoriuscita di materiale fangoso, è stata abbondante, sebbene dovuta all’attività di solo uno dei quattro vulcanetti.

L’emissione di fanghiglia è durata un paio d’ore, il tempo di invadere nuovamente il garage dell’abitazione di via Salso e parte della strada a Paternò.

Il recente episodio di vulcanesimo secondario ha richiesto l’intervento sul posto di una pattuglia dei carabinieri di Paternò e   degli agenti della polizia municipale, coordinati dall’ispettore capo Giuseppe Consalvo.

Gli argini artificiali in fase di realizzazione hanno contenuto l’eruzione di fango misto ad argilla solo in parte.

I lavori sono stati affidati a una ditta privata, che ha proceduto a realizzare una sorta di canalone costituito da barre in ferro poi cementate. Lo scavo inizia dal marciapiede d’ingresso della casa per proseguire lungo il cortile e poi gettarsi più a valle in un serbatoio naturale. Per effettuare questo tipo di intervento è stato impiegato un piccolo escavatore, che ha realizzato un buco nel muro di cinta dell’abitazione e praticato un altro passaggio nella parete della casa per fare defluire il fango che fuoriusciva nel garage.

Via Salso al momento è chiusa  al traffico su decisione dell’amministrazione comunale, nelle prossime ore potrebbe tornare percorribile alle auto, dopo che l’autobotte incaricata dal sindaco Mauro Mangano avrà concluso i lavori di pulizia.

A monitorare il fenomeno vulcanico, dal punto di vista scientifico, è il geologo Orazio Caruso: “È in atto una migrazione dei gas (è stata rilevata traccia di idrocarburi, simili al petrolio, ndr) verso est, nella zona abitata – riporta in un’intervista a MeridioNews – È evidente che la fessurazione del terreno sotto via Salso sta contribuendo alla loro risalita e non è da escludere che eruzioni del genere possano ripetersi a distanza di settimane o addirittura mesi”.

Anna Agata Mazzeo

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi