PALERMO – “Questa mattina il cantiere dell’anello ferroviario di via Amari è rimasto fermo, dal momento che gli operai avevano deciso di scioperare per il ritardo nel pagamento degli stipendi. L’allarme è rientrato, visto che la Tecnis ha comunicato di aver regolarizzato la situazione, ma la preoccupazione dei residenti e dei commercianti resta grandissima, tanto che questa mattina hanno organizzato un presidio per protestare. La situazione è ormai insostenibile e l’unica soluzione è un intervento diretto e immediato del sindaco: sia lui a prendere in mano la situazione e a monitorare un’opera già in grave ritardo e che presenta continui intoppi. Reiteriamo inoltre la richiesta di approvare in tempi brevissimi la delibera per il risarcimento dei commercianti che stanno subendo gravissimi disagi a causa dei cantieri: gli incassi calano sempre di più e non possono essere le attività economiche a pagare per le inefficiente e i ritardi delle opere pubbliche”. Lo dice il presidente della commissione Attività produttive del comune di Palermo Paolo Caracausi (Idv).

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi